User icon
Gabriele Niola (ScreenWEEK.it)
25.05.2009
Due sorelle orfane di madre e una nuova compagna per papà che è proprio l’infermiera che stava accanto alla madre morente. Situazione troppo sospetta…

Globe icon
Anna Maria Pelella (Filmscoop)
28.05.2009
La tensione presente in un intero racconto che si svolge in gran parte tra le pareti di una casa, in questo caso è svenduta in cambio delle inquadrature in esterni più luminose della storia dell'horror e di tre belle ragazze pure troppo in salute.

Globe icon
Antonio Cuomo (mo)
28.05.2009
A differenza dell'originale coreano, 'The Uninvited' ha una struttura più lineare ed accessibile per lo spettatore, che da una parte rende più agevole la visione, ma allo stesso tempo più semplice comprendere la realtà celata dietro le visioni della protagonista

Globe icon
Elvezio Sciallis (cinemahorror.it)
28.05.2009
The Uninvited resta quindi solo un involucro vuoto, con alcuni gradevoli paesaggi, degli interni ben curati, quattro vestitini carini, dialoghi banali e una certa tendenza a mentire al pubblico, a non giocare lealmente.

Globe icon
Alessandro Pangallo (Meltinpot on web)
28.05.2009
Purtroppo, per una decina di minuti davvero ben fatti, ce ne sono circa ottanta in cui probabilmente la vostra mente sarà rivolta altrove.

Globe icon
Francesco Lomuscio (FilmUp)
28.05.2009
prevedibile agli occhi del seguace degli orrori su celluloide, il quale, invece, pur trovandolo accettabile non potrà fare a meno di riscontrare la mancanza della notevole cura estetica presente nella difficilmente comprensibile pellicola originale.

Globe icon
Tirza Bonifazi Tognazzi (MyMovies)
28.05.2009
Un remake articolato e ben girato capace di sorprendere le menti incontaminate

Globe icon
Filippo Magnifico
21.05.2009
Niente per cui gridare al miracolo, ma sicuramente molto meglio di altre pellicole simili. Qualche trascuratezza a livello narrativo, alcuni dialoghi indecisi tra lo sconcertante e il ridicolo, spiriti che godono della facoltà del vedo e non vedo. Anche questa in fin dei conti è Estate.

Globe icon
Stefano Camaioni (everyeye/movieye)
11.05.2009
La solfa è la stessa, lo stile pure. Sono anni che lo sforzo da parte delle case di produzione statunitensi di riprodurre i successi del cinema orientale ha smesso di dare i suoi frutti.

Globe icon
Marco D'Amato (SilenzioInSala.com)
10.05.2009
L’hanno fatto ancora. Che sia coreano, giapponese o cinese non importa, basta che sia un horror e provenga dall’estremo oriente e un produttore degli States ne vorrà fare un remake hollywoodiano.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
10
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative