User icon
Filippo Magnifico (ScreenWEEK.it)
08.11.2010
Sarà meglio cominciare subito con una dichiarazione che forse non incontrerà il favore di tutti, ma che per il sottoscritto è fondamentale: The Social Network è, almeno per il momento, l’opera più matura di David Fincher...

Globe icon
Chiara xx
01.07.2011
Il film che racconta la storia del più famoso social network online, Facebook. Com'è nato e com'è diventato così famoso? Come ha fatto Mark Zuckerberg a diventare così ricco?

User icon
Marco Triolo (blog.screenweek.it)
04.11.2010
The Social Network è il capolavoro di David Fincher che porta il suo stile allo zenit girando in un digitale incredibile (indistinguibile praticamente dalla pellicola) e costruendo un dramma sull’amicizia mascherandolo da film su Facebook.

Globe icon
Pasquale Mesiano (cinemio.it)
18.11.2010
La storia vera di Mark Zuckerberg negli anni che vanno dal 2003 al 2010, in altre parole la nascita del più conosciuto e usato social network del mondo: Facebook

Globe icon
Giuseppe Salvo (Silenzio-in-Sala.com)
15.11.2010
The social network comincia a piacere ancor prima di averlo visto. Ancor prima di intravederne i manifesti delle sale cinematografiche, o i trailer promozionali. E mentre viene annunciato, è già entrato nella top five dei film della propria cinematografia stagionale.

Globe icon
Valeria Barbera
13.11.2010
La regia di David Fincher racconta la sceneggiatura di Aaron Sorkin che nella vicenda reale ha saputo vedere gli elementi per un film di successo può contare su mezzo miliardo di potenziali spettatori.

Globe icon
Riccardo Balzano (trailersland.com)
11.11.2010
Amante dei primi piani quanto dei campi lunghi, almeno sul piano formale, Fincher ha la stoffa dell’autore [...] genera soprattutto spettacolo dialogico(poco dialettico in effetti).

Globe icon
Filippo Magnifico
08.11.2010
Un film che, ponendo le sue fondamenta su un tema ormai alla portata di tutti come il mondo dei social network, riflette sull’isolamento che i cosiddetti “nuovi media” hanno contribuito a creare, fondendo il racconto biografico con la cupezza tipica dei migliori noir.

Globe icon
Gabriele Niola (www.mymovies.it)
08.11.2010
The Social Network è il primo film a riportare senza clamore o sottolineature arroganti un dato di fatto della modernità, ovvero che la vita in rete per una certa fetta dell'umanità ha la medesima importanza della vita reale.

Globe icon
Federico Pontiggia (www.cinematografo.it)
08.11.2010
Fincher ha dato un ineludibile, grandioso refresh al cinema del Terzo Millennio.

Globe icon
07.11.2010
Eisenberg captures Zuckerberg’s jittery cadence and sharkish propulsion without resorting to Rain Man caricature, giving him the air of someone struggling to squeeze a little gain from all the pain; who’s started something he can’t figure out how to finish.

Globe icon
Marco Spagnoli (www.primissima.it)
05.11.2010
Ottimo il ritmo che coinvolge fino in fondo il pubblico: quello che colpisce è la capacità di restituire in maniera molto diretta una serie di intuizioni geniali, facendo di questo film una pellicola di grande intrattenimento ma, al tempo stesso, una storia dall’orizzonte narrativo più ampio.

Globe icon
dr. apocalypse (www.cineblog.it)
04.11.2010
Il miglior film di David Fincher da 11 anni a questa parte, la miglior sceneggiatura dell’anno, e forse sì, la migliore pellicola. Non soltanto ‘un film su Facebook’ ma un fantastico affresco sociale realizzato sfiorando la perfezione.

Globe icon
ColinMckenzie (www.badtaste.it)
04.11.2010
The Social Network di David Fincher è un perfetto esempio di cinema adulto, con regista e cast in splendida forma...

Globe icon
Luca Liguori (www.movieplayer.it)
04.11.2010
La regia di Fincher torna ai massimi livelli grazie alla gestione precisa ed efficace di uno script perfetto e di interpreti giovani e carismatici. Un film che celebra nel migliore dei modi la straordinaria avventura della creazione di Facebook.

Globe icon
Silvia Marinucci (film.35mm.it)
04.11.2010
Facendo leva su una sceneggiatura brillante, pulita e ben costruita Fincher riesce a confezionare una commedia moderna, appassionante e divertente che parla del nostro presente rimanendo molto vicina anche ad un ‘vecchio’ modo di fare cinema.

Globe icon
Pierpaolo Festa (film.it)
12.10.2010
Il regista Fincher mantiene un tocco unico nel mettere in scena un interessantissimo dramma che diventa a poco a poco un solido thriller d’ufficio.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
17
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative