Eye icon
Il film è un delicato equilibrio su ciò che piace ai bambini e quello che piace agli adulti, con i suoi caratteri arrotondati, è elegante e moderno, ma con un bagliore retrò.
Grazie a ScreenWeek ieri sera ho avuto il piacere di assistere, insieme al mio bimbo, all'anteprima a Roma di "Cattivissimo me". Cattivissimo me, riferito al più grande criminale del mondo, ma che in realtà, non è molto cattivo e per di più ha un concorrente: Vector. Gru, così si chiama il protagonista, non ottiene alcun rispetto, nemmeno da sua madre, che lo chiama telefonicamente quando sente la notizia del furto di una delle più grandi piramidi d'Egitto. Lei gli telefona per congratularsi con lui, ma in realtà il suo scopo è toccare un punto dolente e tormentarlo con il fatto che c’è qualcuno più cattivo e che ha più successo di lui. E’ uno che, quando pensa ai suoi piani malvagi, lo fa in grande: prende in prestito denaro dalle banche per sostenere i suoi progetti. Vive in una casa decorata in modo tale da spaventare la gente: pelli di panda usate come tappeti, alligatori trasformati in divani, un rinoceronte allestito come una sedia. Ciò che rende il suo personaggio interessante è che Gru è un cosmopolita, un sofisticato spiritoso e il suo abito scuro, si adatta perfettamente al suo umore nero. Ha centinaia di piccoli aiutanti che sembrano pillole gialle con un enorme sorriso e che allegramente fanno del loro meglio per aiutarlo. Oltre ad un orribile cane, un ibrido con zanne enormi , c’è il dottor Nefario, un anziano e divertente scienziato, che lo aiuta nei suoi progetti. Attraverso vari flashbacks della sua infanzia, si scopre che egli fu allevato da una madre instabile, capace di distruggere ogni suo sogno. Il pubblico non può che fare il tifo per lui, in particolare quando si comincia ad ammorbidire con i suoi figli adottivi. Ottima animazione e un bel 3D che viene fuori nelle scene di maggior rilievo, bellissima la scena delle montagne russe. Il film è un delicato equilibrio su ciò che piace ai bambini e quello che piace agli adulti, con i suoi caratteri arrotondati, è elegante e moderno, ma con un bagliore retrò.

Globe icon
Neil Smith (www.totalfilm.com)
07.11.2010
Balanced a tad uneasily between action fantasy and redemptive heart-tugger, this frenetic CG animation has an identity crisis as big as its hero’s inferiority complex. That said, it’ll do until Megamind arrives.

Globe icon
Riccardo Balzano (Trailersland.com)
16.10.2010
Un raffinato compendio di inventiva europea d’asporto e dei grandi mezzi di (post)produzione statunitensi, con le deliziose musiche di Heitor Pereira (e prodotte da Hans Zimmer) e i brani di Pharrell Williams.

Globe icon
Elisabetta Bartucca (35mm.it)
15.10.2010
"Cattivissimo Me" ci traghetta definitivamente nella dimensione dell'animazione ambiziosa, colta e citazionista, conquistata di recente.

Globe icon
lovedream (cinemio.it)
15.10.2010
Cattivissimo me è sicuramente tra i film più attesi del weekend, un pò per il successo ottenuto all’estero, un pò per la grande campagna di marketing che sta girando intorno a questo film che non fa altro che aumentare la nostra curiosità.

Globe icon
Piero Cinelli (www.primissima.it)
08.10.2010
I registi Chris Renaud e Pierre Coffin non perdono mai di vista il loro target, con un racconto fluido e perfettamente fruibile anche dai piccolissimi, condito di gadget potenti e costellato da numerosi colpi di scena.

Globe icon
Pietro Ferraro (ilcinemaniaco.com)
08.10.2010
Lungometraggio d’animazione dal taglio squisitamente europeo nella scelta del tratto grafico e l’accurata caratterizzazione dei personaggi tipica dei blockbuster made in Hollywood.

Globe icon
dr. apocalypse (www.cineblog.it)
08.10.2010
Divertente, a tratti dark, emozionante e irriverente Cattivissimo Me stupisce tanto dal punto di vista dell’animazione quanto nello sviluppo della trama, semplice ma costruita su un castello di emozioni che crescono, minuto dopo minuto, senza mai annoiare.

Globe icon
Stefano Camaioni (www.everyeye.it)
28.09.2010
Cattivissimo me è un film d'animazione nel senso più puro del termine. Il film vuole proporsi ad una fascia di età decisamente giovane, pronta ad emozionarsi con un racconto pulito e lineare, ricco di buoni sentimenti nitidamente scissi dal male. Ottimo il livello tecnico della grafica ed il 3D.

Globe icon
Michael Traversa (cineclick.wordpress.com)
24.09.2010
La trama è semplice, la morale pure. Con un titolo come Cattivissimo me ci si aspettava forse un ritratto più aggressivo di un personaggio malvagio. Lo spirito di originalità mostrato nell’incipit lascia presto il passo alla classica sfida tra il buono e il cattivo.

Globe icon
Roberto Semprebene (Silenzio-in-Sala.com)
22.09.2010
Illumination Entertainment ricalca con Cattivissimo Me l’impostazione dei lungometraggi animati Pixar: a dispetto di quanto avviene frequentemente con le produzioni DreamWorks, Cattivissimo Me è infatti molto incentrato sullo sviluppo di una storia piuttosto che su un insieme di gag.

Globe icon
Erminio Fischietti (www.radiocinema.it)
22.09.2010
Un film d’animazione di media fattura, dove sia la storia che l’estetica risultano corretti, nulla di più. Una commistione pericolosa che si perde in buoni propositi ed errati compromessi, dove a salvare il salvabile sono le nuove generazioni di comici americani che prestano la propria voce.

Globe icon
ColinMckenzie (www.badtaste.it)
21.09.2010
Il film ha la stessa sensazione di freschezza del primo L'Era Glaciale, un buon misto di ironia e azione che non stanca e non sembra stupida. Una cosa che sorprende è la capacità di fondere influenze diverse e senza risultare pesanti.

Globe icon
03.09.2010
L'umorismo del film non è infantile e sa divertire anche gli adulti, che si troverà catapultato in una storia ben inquadrata sotto l'aspetto del ritmo incalzante, dei personaggi deliziosamente caratterizzati, degli avvenimenti mai scontati e dell'ovvio lieto fine, con qualche momento più tenero.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
14
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative