User icon
Valentina Torlaschi (ScreenWEEK)
01.03.2013
Il fascino di un mondo mai visto prima. Un’avvincente storia di amicizia, morti ammazzati e antiche tradizioni.

Globe icon
gabriele farina
10.04.2013
Non ci sono dubbi che Educazione siberiana sia uno strappo nella filmografia di Gabriele Salvatores, qualcosa di nuovo, magari forse solo l’evoluzione di quanto fatto fin ora, ma a vederlo a scatola chiusa difficilmente attribuirei a questo film la corretta paternità.

Globe icon
Marita Toniolo (Best Movie )
01.03.2013
Il film romanza l’educazione malavitosa impartita sin da ragazzini a Kolyma e Gagarin, aspiranti “criminali onesti” siberiani.

Globe icon
01.03.2013
La narrazione della vita di Kolima si sviluppa in tre grandi filoni temporali che sono legati tra di loro attraverso l’uso dei flashback.

Globe icon
Luca Marra (Ibtimes)
01.03.2013
Emerge dunque la perdita dell'innocenza nella crescita, un valore importante e proprio per questo spesso trattato dal cinema, al quale questo film, anche se ben girato, non aggiunge poi tanta novità.

Globe icon
Paolo Ottomano (Cinema 4 Stelle)
01.03.2013
Storia comunque avvincente, accompagnata da una colonna musicale appropriata e coinvolgente ma talvolta invadente.

Globe icon
Angela Giulietti (Filmrecensito)
01.03.2013
E’ un Gabriele Salvatores totalmente inedito quello di “Educazione siberiana“.

Globe icon
01.03.2013
Tentativo coraggioso (non sempre riuscito) di realizzare un film internazionale

Globe icon
Chiara Console (Dire Donna )
01.03.2013
Tratto dall’omonimo romanzo, l’opera prima dello scrittore russo naturalizzato italiano Nicolai Lilin, il nuovo film del regista partenopeo gioca le sue carte migliori con una difficile storia a base di coltelli e tatuaggi.

Globe icon
Mattia Riccardi (Marie Claire)
01.03.2013
Una storia universale di formazione tratta da un grande romanzo.

Globe icon
Redazione (Il Sole 24 Ore)
01.03.2013
Gabriele Salvatores oltre il cinemino nostro: tra luci e ombre, la sfida è internazionale...

Globe icon
Chiara Guida (Cinefilos)
01.03.2013
Gabriele Salvatores torna al cinema con una storia di formazione, cambiamento e transizione.

Globe icon
Christian Auricchio (40 secondi)
01.03.2013
Protagonisti della pellicola sono Kolima (Arnas Fedaravicius) e Gagarin (Vilius Tumalavicius) due membri del cosiddetto clan siberiano, una delle tante comunità criminali esiliate nel sud della Russia da Stalin.

Globe icon
Laura Croce (Radio Cinema )
01.03.2013
Un’ambientazione affascinante, piena di un gelido mistero che contrasta con gli animi ardenti dei protagonisti.

Globe icon
01.03.2013
“Educazione Siberiana” è un film che nasce da un libro molto particolare scritto da Nicolai Lilin, è la storia di un uomo cresciuto in una terra lontana dalla nostra, ricevendo un’educazione durissima che trasuda onore e principi.

Globe icon
nickoftime (Film TV)
01.03.2013
Fiume Basso è un quartiere della città di Bender in Transnistria, dove è stata deportata una comunità di "onesti criminali", piccoli mafiosi che sono lì a causa del loro disprezzo nei confronti dei soldi, dei potenti, dei poliziotti e dei comunisti.

Globe icon
Maria Sole Bosaia (Spazio Film)
01.03.2013
Tratto dal bestseller di Nicolai Lilin, Educazione siberiana, ultimo parto di Gabriele Salvatores, percorre infanzia, adolescenza e giovinezza di un "criminale onesto" di una sperduta regione della Russia.

Globe icon
Marzia Gandolfi (MyMovies)
01.03.2013
Salvatores semplifica il romanzo di Lilin eludendo il senso più profondo della forza e della sopraffazione

Globe icon
Francesco Lomuscio (Film Up)
01.03.2013
Un racconto che, con il Peter Stormare di "Fargo" (1996) incluso nel cast, attraversa i dieci anni spazianti dal 1985 al 1995, tra regole precise e codici d’onore che non vanno traditi per nessun motivo

Globe icon
Valeria Vinzani (Film 4 Life )
01.03.2013
SALVATORES SI CIMENTA NELLA SFIDA DEL SUO PRIMO BLOCKBUSTER

Globe icon
Redazione (Primissima )
01.03.2013
La storia si svolge in un arco di tempo che va dal 1985 al 1995. In quegli anni avviene uno dei più importanti cambiamenti della storia contemporanea: la caduta del muro di Berlino e la conseguente sparizione dell'Unione Sovietica

Globe icon
Francesca Fiorentino (Movieplayer)
01.03.2013
La videorecensione del film Educazione Siberiana di Gabriele Salvatores, con John Malkovich e Arnas Fedaravičius. Testi di Francesca Fiorentino e voce di Francesca Fiorentino.

Globe icon
Francesca Fiorentino (Movieplayer)
01.03.2013
L'affresco di questa enclave criminale siberiana possiede un fascino che non può lasciare indifferenti; il film presenta degli spunti molto buoni, ma a tratti sembra vittima della sua stessa struttura.

Globe icon
Antonio Maria Abate (CineBlog )
01.03.2013
Educazione siberiana ci porta in un mondo distante non solo spazialmente ma, soprattutto, temporalmente. Un mondo sommerso non tanto dalla neve, che lì abbonda, quanto dalle macerie del tempo.

Globe icon
Francesco Manca (Everyeye)
01.03.2013
Salvatores sceglie, per Educazione siberiana, un cast di nomi internazionali, ove spiccano, senza troppe difficoltà, quelli di Peter Stormare e soprattutto John Malkovich, nessuno dei quali, però, impiegato in un ruolo da protagonista.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
25
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative