User icon
Filippo Magnifico (ScreenWEEK.it)
21.04.2011
Uno di quei film che si potrebbero definire “agrodolci”, che alla risata preferiscono il sorriso e che, senza volere a tutti costi lasciare messaggi di chissà quale importanza, si limitano ad offrire più spunti di riflessione...

Globe icon
Erika Pomella (Silenzio-in-Sala.com)
22.04.2011
Pur riproponendo schemi fissi della cinematografia Indie americana, Lo stravagante mondo di Greenberg affascina per la grazia con cui è girato.

User icon
Gabriele Niola (Screenweek.it)
04.04.2011
Il tentativo di Ben Stiller di fare il passaggio al cinema serio e drammatico passa per un'opera indipendente e molto dialogata purtroppo non sempre riuscita

Globe icon
Filippo Magnifico
21.04.2011
Ad un certo punto della sua carriera ogni grande attore comico deve cimentarsi, quasi fosse una tappa obbligata, con il cosiddetto “ruolo serio”...

Globe icon
Sonia Arpaia (www.doppioschermo.it)
08.04.2011
La pellicola di Baumbach è una storia intima, drammatica, che più che sorridere fa riflettere. Baumbach tocca al cuore dello spettatore in poche e significative scene, ma si perde in una trama piuttosto piatta, senza sviluppi ne' evoluzione.

Globe icon
Andrea D'Addio (filmup.leonardo.it)
08.04.2011
L'ambita profondità della sceneggiatura finisce nel disperdersi in un grande sbadiglio. Non si ride per niente e si crea una continua attesa verso un apice di ritmo logicamente disillusa da una regia che ha altri obiettivi narrativi.

Globe icon
Elena Pedoto (www.everyeye.it)
08.04.2011
Noah Baumbach conferma il suo talento di scrutatore dell’animo umano con una commedia agrodolce. Ottime le prove dei due protagonisti Ben Stiller e Greta Gerwig, perfettamente aderenti ai loro ruoli di anime perse che faticano nel tentativo di ritrovare la loro via.

Globe icon
Manuela Pinetti (www.cinematografo.it)
08.04.2011
Il film mette a nudo la necessità di essere amati, sottendendo una divisione tra chi è consapevole di essere “un valore” e chi arranca verso una rivelazione esterna. Lo script è ben servito da una recitazione trattenuta che ben si presta all’atmosfera rarefatta che si respira.

Globe icon
Edoardo Becattini (www.mymovies.it)
08.04.2011
Grazie ad un ottimo lavoro di scrittura e ad una strepitosa performance da parte di Ben Stiller, Roger Greenberg fuoriesce dal microcosmo bizzarro della media delle produzioni indie per trovare vita autonoma e intrattenere e innervosire come solo sanno fare i grandi caratteri.

Globe icon
Rosario Sparti (Corriere Romano)
07.04.2011
Baumbach decide di non seguire la strada più facile, sceglie così di essere fedele ai suoi personaggi e le loro manie, disinteressandosi delle connessioni tra loro e il pubblico.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
10
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative