User icon
leotruman (Screenweek)
18.02.2011
Una ragazza di 17 anni è costretta a fare “l’uomo di casa” da quando la madre è in preda ad una forte depressione e il padre è scomparso dopo aver impegnato la loro casa per pagare la cauzione. Cercando il padre disperatamente scoprirà la terribile verità.

Globe icon
Alberto Barbera (www.cinematografo.it)
18.02.2011
Il film impressiona per l’inflessibile controllo della messa in scena e l’assoluta credibilità del ritratto di un’America così arretrata. L’esigente coerenza dell’insieme colloca l’impresa tra le più rischiose degli ultimi anni e conferma l’indiscutibile talento dei partecipanti.

User icon
Gabriele Niola (Screenweek.it)
14.02.2011
Duro, autentico, senza pietà e onesto. Il vincitore dell'ultimo Sundance riesce a mostrare luoghi e persone di un'America raramente mostrata che restano indimenticabili

Globe icon
Davide (cinemio.it)
18.02.2011
E' un film intimamente americano che si discosta dalle produzioni hollywodiane, per sostanza e per contenuto, e che riesce ad essere allo stesso tempo un realistico affresco sociale curato nei più piccoli dettagli e un delicato thriller che provoca anche dei reali momenti di tensione.

Globe icon
Gabriele C. (www.cineblog.it)
18.02.2011
E'un film cupissimo con una storia bellissima, profonda e pieni di colpi dritti in faccia. E’ anche un film profondamente americano perché affonda le radici anche in uno dei generi statunitensi per eccellenza: il western, un western travestito da thriller dark.

Globe icon
lovedream (cinemio.it)
17.02.2011
Un gelido Inverno di Debra Granik con una bravissima Jennifer Lawrence, nominata agli Oscar 2011 come miglior attrice protagonista.

Globe icon
Marco D'Amato (Silenzio-in-Sala.com)
03.02.2011
I dialoghi, asciutti e immediati, combaciano perfettamente con l’atmosfera cupa e l’ambientazione desolata e desolante, gravida di ombre e di mistero.

Globe icon
Edoardo Becattini (www.mymovies.it)
27.01.2011
Winter's Bone, col suo linguaggio livido e cupo, si colloca nella fosca atmosfera di un thriller poco improntato sul realismo e che si presenta più come una fiaba dark che scava a fondo fino a mostrare l'osso della cultura popolare americana.

Globe icon
gabriele farina
23.12.2010
Winter’s bone è una pellicola di tutto rispetto. Difficile credere che Debra Granik sia al secondo lungometraggio, sebbene con Down to the bone avesse già vinto il premio per la regia al Sundance.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
9
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative