User icon
Filippo Magnifico (ScreenWeek)
05.10.2012
Con il suo buddy movie mascherato da favola adulta Seth MacFarlane è riuscito a fare centro ancora una volta, rimanendo coerente con sé stesso e proponendoci una storia leggera, assurda e non priva di difetti, che dividerà pubblico e critica tra favorevoli e contrari.

Eye icon
2 tanto chiasso per un film inutile
2 C'ERA UNA VOLTA "FRANCIS IL MULO PARLANTE" OGGI C'E' TED... Era il 1950 usciva Francis (il mulo parlante) che raccontava di un mulo che dava consigli ad un giovane soldato...film che ebbe più di un sequel... "Ted" racconta la storia di un bambino che ha voglia di un amico con cui giocare e una volta ricevuto in regalo un orsacchiotto scopre che quello che sembra un dolce regalo con cui dormire alla fine parla..... Nel film il protagonista non è un attore alle prime armi ma un attore di serie "A" Mark Wahlberg, noto per i suoi ruoli drammatici e qui protagonista di una commedia dalle battute "politicamente e socialmente scorrette".... con un incasso di 193 milioni di dollari negli Usa. Cosa ha portato così tanta gente al cinema per vedere una commedia con protagonista un orsacchiotto amico di un ragazzo e crescendo resta amico inseparabile di un uomo? L'America moralista e bigotta accorre in massa quando il linguaggio di una commedia diventa irriverente, quando nei dialoghi si parla di vita di coppia, di uomini e donne, di sesso etc... senza peli sulla lingua, spingendosi fino all'inascoltato ad oggi per un film .... Certo Mila Kunis non regge il confronto al fianco di Mark Wahlberg, troppo "faccetta" carina e maliziosa comunque recitante quanto basta ma nel film "Ted" non importa quello che importa è esagerare con battute che non ti aspetteresti mai...Quello che ha fatto breccia sul pubblico americano è il linguaggio irriverente che si instaura tra l'orsacchiotto e Mark Wahlberg un 35 enne rimasto bambinone innamorato della Kunis ma inseparabile dal suo amico del cuore, l'orsacchiotto che "sparla"...il film per un verso segue i canoni della commedia "spinta" americana, dove i dialoghi sono "spudoratamente" veritieri ma dietro l'angolo c'è sempre il pericolo di film/ favoletta cinica.... Voto 6 - - Vincerà il week end come previsto ma un film secondo me da dimenticare soprattutto per la carriera di Mark Wahlberg

Globe icon
Francesco Lomuscio (Everyeye)
05.10.2012
Il lungometraggio di Seth MacFarlane, è a tutti gli effetti un racconto di celluloide per adulti, anche se, curiosamente, sforna una morale sulla crescita e sull’amicizia come lo si faceva all’interno di quelli che, risalenti agli anni '80, hanno finito per trasformarsi in cult per ragazzi.

Globe icon
Gianluca Arnone (Cinematografo)
05.10.2012
Ted si rivela solo uno sconveniente salamelecco del Bildungsroman hollywoodiano. Una storia giusta pervertita da un eccesso di cinismo. Nonostante qualche gag riuscita, le buone prove di Wahlberg e della Kunis, il film è molto meno divertente di quanto ci si aspetti.

Globe icon
gabriele farina
04.10.2012
Ted è quello che ci si aspetta: una commedia sboccata, senza regole, senza morale, il tutto messo in bocca al simbolo massimo anglosassone della bontà e della coccolosità, l’orsetto di peluche.

Globe icon
Gabriele Ferrari (BestMovie)
02.10.2012
Tutto l’armamentario tipico dei Griffin trasferito in un contesto live action funziona alla perfezione: le battute scorrette tagliano il doppio se sputate in faccia a una persona vera, gli inserti comici random spiazzano e divertono e non mancano nemmeno momenti di vera regia.

Globe icon
Cut-tv's (Cineblog)
02.10.2012
Lla commedia, pur non priva di difetti, ha tutti i numeri per piacere ai fan delle favole vietate ai minori, delle storie sentimentali che non lesinano trasgressione, dell’umorismo poco raffinato e dei ‘toni alla MacFarlane’.

Globe icon
Andrea Bedeschi (BadTaste)
01.10.2012
Con Ted Seth MacFarlane segue quel fortunato trend di autori di cartoon passati con successo al cinema live action. La sua pellicola, a fronte di un intreccio abbastanza usuale, è arricchita da una perfetta caratterizzazione e progressione dei personaggi.

Globe icon
Adriano Ercolani (FilmIt)
01.10.2012
Ted assume un andamento ondivago e lascia presupporre che il regista non abbia ancora trovato il giusto equilibrio narrativo per esplicitare la sua verve comica dentro una storia di 1 ora e 45 minuti. Il lungometraggio merita comunque di essere visto ed apprezzato.

Globe icon
Marianna Cappi (MyMovies)
01.10.2012
Nonostante alcune siano più riuscite ed altre meno, sarebbe stupido e impossibile non ammettere che Ted è imbottito di scene esilaranti. Sul versante del racconto-contenitore il film non ha invece la stessa carica inventiva.

Globe icon
Tony Horkins (www.totalfilm.com)
20.09.2012
A fabulous first live-action effort, combining R-rated hilarity with skilled storytelling as it slips some real heart into the stuffing of a toy bear.

Globe icon
Cinefilos (Cinefilos.it)
21.08.2012
Esordio alla regia per il creatore dei Griffin, Seth Macfarlane, passato dall’animazione 2D a un lungometraggio con tanto di computer grafica. Cambio non troppo traumatico (secondo le sue affermazioni) che gli ha permesso di avere gli stessi collaboratori della serie.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
12
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative