I fiori di Kirkuk
I fiori di Kirkuk
Il loro paese li ha separati, il loro coraggio li ha uniti.
Data Uscita: 19 Novembre 2010
(Italia, Svizzera, Iraq • 2010) Golakani Kirkuk
Globe icon
Davide Cinfrignini (cinemio.it)
01.12.2010
Protagonista del film è la coraggiosa eroina irachena Najla,una studentessa di Medicina a Roma, tornata in Iraq alla ricerca del suo compagno curdo Sherko, rientrato in patria per motivi che le saranno in un primo momento ignoti e che poi si riveleranno in tutta la loro tragicità.

Globe icon
Tania Marrazzo (Silenzio-in-Sala.com)
21.11.2010
I fiori di Kirkuk, tratto dall’omonimo romanzo dello stesso regista Fariborz Kamkari, è una drammatica storia d’amore resa tragica dalla complicata situazione bellica medio-orientale e da un retaggio culturale difficile da comprendere e accettare soprattutto dopo essersene distaccati.

Globe icon
Raffaele Serinelli (icine.it)
19.11.2010
Fariborz Kamkari adotta uno stile in bilico tra sentimentale e documentario per dare vita ad una pellicola drammatica e coinvolgente. Amore e morte, eros e thanatos, rappresentano la due facce della stessa medaglia, ancora di più in questo film.

Globe icon
Flavia D'Angelo (Corriere Romano)
17.11.2010
Kamkari vuole “rendere un plot narrativo di taglio occidentale attraverso tonalità primarie di taglio orientale” e sceglie un genere (e uno stile) della cinematografia occidentale ben precisi: il melodramma romantico patinato.

Globe icon
Giordano Rampazzi (www.cinemadelsilenzio.it)
17.11.2010
I fiori di Kirkuk racconta il genocidio curdo alla fine degli anni '80, parla di una storia d'amore impossibile e straziante, affronta il tema del fondamentalismo, il tutto in modo dogmatico e avvolgente, con le musiche dell'Orchestra di Piazza Vittorio e alcune inquadrature a effetto.

Globe icon
Giovanna Barreca (www.radiocinema.it)
16.11.2010
Valorizzare una figura realmente esistita, ricordare –attraverso una pagina triste di storia – quello che rischiano ancor oggi diverse minoranza, non può bastare a fare un buon film di memoria.

Globe icon
Edoardo Becattini (www.mymovies.it)
08.11.2010
La mancanza di un grande respiro drammaturgico e la necessità di una solida configurazione formale non riescono ad elevare il racconto da una buona ricostruzione di un periodo storico poco frequentato dal cinema.

Globe icon
Valentina D'Amico (www.movieplayer.it)
05.11.2010
Fariborz Kamkari costruisce il suo melodramma bellico usando un ritmo spedito, avvincente, piacevole, ma fin troppo 'facile'.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
8
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative