User icon
Laura. c (ScreenWeek)
18.10.2012
Il suo destino sembra quello di rimanere una commedia per certi versi originale, per altri più che abusata, per altri ancora terribilmente inconcludente. In fin dei conti un ibrido poco riuscito.

Eye icon
4 Visto Wedding party una notte da leoni al femminile all'inizio sembra non eccezionale poi il film sale..molto..ironico...irriverente..divertente
4 Wedding party e' una via di mezzo tra Tre uomini e una pecora (al femminile) e Una notte da leone (sempre al femminile): 4 amiche,thelma e Louise moltiplicate per due alla vigilia delle nozze di una di loro. All'inizio il film sembrerebbe alquanto infantile e destinato a donne che amano film stile Sex and the City, invece poi il film sale grazie alle 3 amiche della sposa con una forza e un carattere da far scomparire i maschi... L'unica famosa e' l'ex Marie Antoinette Kristen Dunst qui organizzatrice del matrimonio dell'amica in carne, mentre le altre due sono una svampitissima rossa e la quarta, una mora (Gena) che vorranno in molti nel loro film dopo aver visto il film. Le migliori in scena sono Kristen Dunst e Lizzy Caplan (la mora),divertenti, affascinanti anche coraggiose e naturali nella recitazione nonostante le scene comiche.. Un film divertente,per tutti, da vedere anche in gruppo Voto 6 + 6 1/2 P.s. La tesi dell'amica mora (Gena) su come accalappiare gli uomini e tenerseli, pronunciata sull'aereo al compagno di viaggio sconosciuto con tanto di voti e' pazzesca e verissima...vedere il film ..e capirete

Globe icon
Gabriele Niola (BadTaste)
19.10.2012
Il primo film di Lesley Headland (diretto e anche scritto) è una delle commedie femminili più divertenti e interessanti che si siano viste da anni a questa parte.

Globe icon
Francesca Romanelli (Dazebao)
19.10.2012
Anche se non brilla né per originalità né per buongusto, il film scorre in modo abbastanza divertente e piacevole, fatta eccezione per qualche volgarità al femminile che si poteva tranquillamente evitare e che appare un po' forzata.

Globe icon
Giuliana Molteni (MovieSushi)
18.10.2012
Stupisce lo spreco di un cast di attori che presi singolarmente hanno dato prove ben migliori. Il film sembra la triste copia carbone di Le amiche della sposa, ma si tenta la strada dell'ancora più "politicamente scorretto" mancando però totalmente il bersaglio.

Globe icon
Antonella Murolo (Everyeye)
18.10.2012
Una pellicola divertente, ironica e di intrattenimento che, pur cercando di mostrare una base psicologica e critica sulla questione dell’amicizia tra donne, pecca di superficiale qualunquismo.

Globe icon
Simona Falcone (Cinematografo)
18.10.2012
Rispetto alle premesse, il film è alquanto “sottotono” scarno in sceneggiatura, con qualche volgarità inserita qui e lì che poco approfondisce i contenuti su cui dovrebbe ruotare l’intera trama, che aggiunge poco alle ormai inarrestabili produzioni in tema made in USA.

Globe icon
Corinna Spirito (Eco del Cinema)
17.10.2012
La sceneggiatura è banale e fredda e vanifica le buone performance delle tre attrici protagoniste, tutte simpatiche e ben calate nei ruoli. Ne vien fuori una commediola come tante, che fa passare in spensieratezza un’ora e mezzo, ma la cui visione in sala può essere evitata.

Globe icon
Marco Triolo (FilmIt)
17.10.2012
Leslye Headland, dimostra di conoscere bene la psicologia femminile e di saper giocare con diversi caratteri usando intelligenza ed ironia. Anche questa volta, l'happy ending è assicurato.

Globe icon
Valentina D'Amico (Movieplayer)
17.10.2012
Meno surreale e fantasioso di Una notte da leoni, meno profondo di Le amiche della sposa, The Wedding Party cerca una propria identità barcamenandosi tra commedia e spaccato sociologico.

Globe icon
Dr. Apocalypse (Cineblog)
17.10.2012
Vera e propria accozzaglia di ‘già visto’, il film scivola continuamente nella volgarità becera e completamente immotivata, finendo così per trasformare in stucchevoli e tutt’altro che divertenti il più delle gag studiate e trasportate sul grande schermo.

Globe icon
Flavia D'Angelo (Cinema del Silenzio)
17.10.2012
La scoperta che le donne, oltre l'invidia, coltivano anche la passione per alcool e droghe non basta a far passare inosservata la massiccia dose di buonismo hollywoodiano dispensato tra un eccesso e l'altro. Niente di nuovo sotto il velo.

Globe icon
Matteo Brufatto (FilmUp)
15.10.2012
È impietoso il ritratto che Leslye Headland, la regista, traccia della donna. Quand’è che le tre amiche riescono a trovare la pace a lungo cercata? Quando gli uomini si pongono di fronte a loro con decisione e indicano loro il ruolo da ricoprire.

Globe icon
Felice Catozzi (Il cinemaniaco)
15.10.2012
Commedia dai tratti neri e dal sarcasmo a tonnellate, con un finale perfettamente hollywodiano, con un po’ troppo miele e un happy ending piuttosto deludente: ma ricordiamoci di non avere grosse pretese e voler andare a divertirci.

Globe icon
Sandra Martone (Film4Life)
15.10.2012
Se l’intento di Leslye Headland era quello di proporre una versione al femminile di Una notte da leoni la regista ha fallito. La visione in sala di The wedding party, nonostante l’ottima recitazione delle attrici, è tempo del tutto sprecato.

Globe icon
Giancarlo Zappoli (MyMovies)
15.10.2012
Regan, Gena e Katie potrebbero essere le sorelle minori delle protagoniste di Sex & the City. Come loro si sono liberate sessualmente (con in più molte dosi di cocaina) ma il matrimonio resta sempre la meta da temere ma anche da raggiungere.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
16
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative