Globe icon
Matt Glasby (www.totalfilm.com)
16.01.2013
Engagingly off-centre, like Charlie Kaufman taking down Quentin Tarantino, this sunbaked shaggy-dog story is a place-holder film for McDonagh, and often closer to chaos than it is to genius.

Globe icon
16.11.2012
7 Piscopatici è un film pulp e folle; una commedia esilarante e allo stesso tempo una riflessione dolceamara sui meccanismi della scrittura. Un film che parla di cinema parlando della realtà, che in qualche modo condiziona e ispira tutti coloro che scrivono.

Globe icon
Ferruccio Gattuso (Yahoo! Cinema)
16.11.2012
Dialoghi pregni di esplosiva ironia e comicità, un Tom Waits "serial killer" memorabile, uno showdown tra pistoleri nel cuore del deserto, all'ombra di suggestivi Joshua Tree. Sarebbe facile citare Tarantino, o il primo Guy Ritchie, ma la firma di McDonagh ci sembra andare oltre.

Globe icon
Paolo Ottomano (Cinema4stelle)
16.11.2012
7 Psicopatici come molti altri film usciti quest'anno (Killer Joe e Argo in particolare) mischia nel limbo del surreale la tragedia e la commedia, come in un budino al caramello: il dolce predomina, ma si sente anche l'amaro del bruciacchiato in cima.

Globe icon
Roberta Giani (SpazioFilm)
16.11.2012
Un film molto intenso che parla di amicizia, sacrificio e sentimento con note di tenerezza, dove ognuno degli psicopatici è mosso da un profondo sentimento, che sia l’amore per una donna, un amico o un cane non fa alcuna differenza.

Globe icon
Giuliana Molteni (MovieSushi)
16.11.2012
Seven Psychopaths è un noir "stratificato", grottesco e dallo humor molto dark, ma è anche una bella storia sull'amicizia, arricchita da riflessioni sparse su temi "alti".

Globe icon
Roberto Castrogiovanni (Movieplayer)
14.11.2012
'Stratificato' è il termine più azzeccato per descrivere il film, un sofisticato esercizio di stile meta-cinematografico che può essere letto anche come una satira tagliente sul cinema di genere hollywoodiano e una riflessione sul significato della violenza nella cultura americana.

Globe icon
Adriano Ercolani (FilmIt)
14.11.2012
Il regista/sceneggiatore questa volta vola decisamente troppo alto e costruisce una trama che dimostra soltanto la sua autoreferenzialità.Un gioco grottesco che invece di divertire lascia posto all’irritazione.

Globe icon
Sandra Martone (Film4Life)
14.11.2012
Il film inizialmente è piacevole ma poi con molta velocità precipita nel ridicolo e diventa quasi irritante il vedere come la sceneggiatura prenda mille direzioni diverse solo per dar spazio alla violenza di un regista che vorrebbe essere Tarantino e che diventa una sua insopportabile caricatura.

Globe icon
Sonia Serafini (Voto 10)
14.11.2012
La pellicola è un geniale susseguirsi di avvenimenti, battute e sketch che stuzzicano lo spettatore, una comicità mai banale e avvincente che rendono la trama in conitua interazione con il pubblico.

Globe icon
Gabriele Niola (BadTaste)
14.11.2012
Nonostante quindi 7 psicopatici alla fine non abbia la forza, la chiarezza d'intenti e la determinazione di In Bruges, pur mantenendo una visione di mondo e una volontà di mostrare e raccontare storie e personaggi in maniera inedita, rimane indubitabilmente uno dei migliori film della stagione.

Globe icon
Antonella Murolo (Everyeye)
14.11.2012
Un risultato molto positivo ottenuto anche grazie a un cast di altissimo livello che porta sullo schermo un portafoglio di personaggi dall’esuberante carisma, mai monodimensionali e sorretti da performance perfettamente in linea con lo stile dello script.

Globe icon
Francesco Volpi (FilmeDVD)
13.11.2012
Non sono solamente la storia e i dialoghi ad essere strepitosi, ma ogni elemento del film si sposa alla perfezione con tutti gli altri. La fotografia è suggestiva, le musiche dolci si coniugano perfettamente con questi personaggi grotteschi ma amabili allo stesso tempo.

Globe icon
Corinna Spirito (Eco del Cinema)
13.11.2012
“7 psicopatici” non piacerà a tutti perché non ha una trama convenzionale, né la linearità della maggior parte delle pellicole, ma l’umorismo di cui è cosparso è contagioso e l’abilità di McDonagh di costruire personalità e storie innegabile.

Globe icon
Antonio Maria Abate (Cineblog)
13.11.2012
Con 7 Psicopatici siamo dalle parti del raffinato ma graffiante nonsense, accessibile a molti ma non a tutti. Una di quelle opere che filtrano il postmoderno attraverso il cinema, elevandolo… non prima però di averlo esasperato.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
15
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative