User icon
Daniele Massironi (www.youtube.com)
30.03.2016

Eye icon
5 Capolavoro
5 Capolavoro

Globe icon
Andrea Pesoli (cineforum.it)
25.03.2016
Batman V Superman: Dawn of Justice resta nel complesso un film non riuscito, facile da attaccare e probabilmente impossibile da rivedere. Un lavoro incompleto e fastidioso.

User icon
Roberto Recchioni (blog.screenweek.it)
30.03.2016
Questo Batman v Superman: Dawn of Justice forse non è il peggiore dei cine-comics mai realizzati (Man of Steel, Green Lantern e Catwoman sono comunque molto, molto, peggio), ma di sicuro è il più confuso, pretenzioso e imbarazzante. Goyer e Snyder Strike Back.

Eye icon
4 Visto ieri in Blu-ray: e niente... a me è piaciuto ...
4 Visto ieri in Blu-ray: e niente... a me è piaciuto ✌️ Ho dato il mio voto a Batman v Superman: Dawn of Justice | #BatmanVSupermanIT :

Globe icon
Marco Minniti (www.fuoriprogramma.net)
25.03.2016
Buona confezione, ottimo ritmo, accattivante lettura dei due personaggi; regia barocca ben integrata col mood della trama.

User icon
Daniele Massironi (blog.screenweek.it)
30.03.2016
Zack Snyder si conferma un regista che ha una potenza e coerenza visiva di alto livello. Batman v Superman porta avanti tutto quanto sperimentato con Man of Steel, e lo evolve in modo che tutto appaio ancor più “sporco”, caldo, appassionato ma anche così denso di emozioni. Vi basterà vedere il primo quarto d’ora per capire cosa intendo: un prologo mozzafiato e memorabile, un momento di grande cinema.

Eye icon
5 Grande film
5 Grande film

Globe icon
Gordon Brasco (www.umbria24.it)
25.03.2016
Ammesso e non concesso che riusciate a non confondere Matt Murdock (Daredevil) con Bruce Wayne c’è il problema della trama e dello sviluppo dei personaggi secondari: una specie di festival dell’approssimazione dove l’unica certezza è di trovarsi di fronte a un lavoro fatto a metà. La sensazione finale è che quelli della Warner abbiano voluto tirar fuori qualcosa prima di «Captain America Civil War» cercando di intercettare i fan di supereroi in crisi d’astinenza prima che spendano i loro soldi per Iron-man e soci.

Eye icon
5 Ho dato il mio voto a Batman v Superman: Dawn of Ju...
5 Ho dato il mio voto a Batman v Superman: Dawn of Justice | #BatmanVSupermanIT : buchi e facilonerie di sceneggiatura imponenti ma che spettacolo per gli occhi. 5 stelline!

Globe icon
Carlo Cerofolini (dreamingcinema.it)
25.03.2016
In attesa che la sfida tra Marvel e DC Comics prenda piede Snyder si mette sulla scia di Nolan, prendendo in prestito le estetiche e la magniloquenza della trilogia dedicata all’uomo pipistrello per dare vita a un film magniloquente e cupo che estremizza i comportamenti di buoni e cattivi per dare vita a una palingenesi finale che al cinema non si era mai vista e di cui non anticipiamo nulla per non togliere allo spettatore il gusto della sorpresa. Per arrivarci il film si serve di un plot complicatissimo e, nella seconda parte, di un flusso ininterrotto d’immagini ad alto tasso sensoriale.

Eye icon
5 film bellissimo, assolutamente da vedere!! finalmen...
5 film bellissimo, assolutamente da vedere!! finalmente ci stiamo avvicinando alla storia originale di batman, quasi mi commuove... l'unica pecca è che per chi non mastica un po di dc potrebbe essere un film un po confuso e in effetti potevano spiegare l'apparizione di flash dal futuro e le visioni di batman, infatti essendo stata colta un po di sorpresa, per un po mi sembrava jason todd dal futuro (ripensanso all'armatura del robin nella teca e all'elmetto rosso che indossava nel portale), poi c'ho pensato un attimo e l'ho collegato a flash...a parte questo è un capolavoro!!!

Globe icon
Luca Canale Brucculeri (www.cinematographe.it)
25.03.2016
Batman V Superman poteva essere un flop totale, un’occasione mancata e un suicidio commerciale; poteva, sì, ma non lo è stato perché Zack Snyder c’è riuscito, è riuscito a voltare le spalle ad Hollywood e a soddisfare i fan, è riuscito a delineare in un solo film ciò che in casa Marvel hanno delineato con 4 film prima di raggiungere il trionfo di Avengers, è riuscito a mettere carne al fuoco in abbondanza ma non l’ha solo cucinata bene, l’ha anche cosparsa di salsa e impiattata egregiamente.

Eye icon
5 Ho dato il mio voto a Batman v Superman: Dawn of Ju...
5 Ho dato il mio voto a Batman v Superman: Dawn of Justice | #BatmanVSupermanIT : UN GRANDISSIMO FILM!!!!!!!!!!!!

Globe icon
Vissia Menza (www.masedomani.com)
25.03.2016
Tra sequenze epiche ed esplosive, il film mette a confronto i personaggi più iconici e idolatrati dei fumetti in un contesto caotico, distruttivo e roboante che sfrutta le atmosfere oscure ed intense per entrare nel cuore dello spettatore e trasportarlo in un vortice di suggestioni ed emozioni insieme ai protagonisti. Il regista dipinge un quadro chiaroscurale diviso a metà da luci e ombre all’interno del quale coesistono le visioni mistiche e sogni deliranti di Batman e una presa di coscienza da parte di Superman di quanto la fragilità dell’animo umano possa piegare la corazza impenetrabile di un semidio. Batman V Superman: Dawn of Justice è una vera sorpresa che proprio grazie alle sue imperfezioni diventa imperdibile.

Eye icon
5 Il film sicuramente merita e le interpretazioni pur...
5 Il film sicuramente merita e le interpretazioni pure. Le uniche pecche sono puramente legate ai fini commerciali. Per riprendere la corsa di una base di personaggi, relazioni, situazioni, create dalla concorrenza in 10 anni, questo film ha dovuto concentrare di tutto e di piu'. Questo è molto bello ai fini dei popcorn da mangiare e gustarsi nel guardare scene di puro cinema, ma per la storia risulta confuso ed eccessivo secondo me. Rimane comunque un film da riguardare per annotarsi tutti i punti che verranno spiegati poi nei film successivi. L'unico vero grssolano errore che si puo' notare è nel gioco sul nome Martha. Il dialogo non regge. "Uccideranno Martha". Perchè avrebbe dovuto dire cosi'? Perchè non: "Uccideranno mia madre Martha" che avrebbe comunque sortito lo stesso effetto? E' quindi carica di non motivato pathos perchè cerca di chiudere il conflitto con un colpo di scena, ma data tutta la carne al fuoco che già è stata messa nel film, non occorre un colpo di scena per forza per conquistare lo spettatore. Detto cio' il mio voto è il massimo delle stelline perchè adoro vedere film del genere al cinema.
bestdcever - nuoviuniversi

Globe icon
Marco De Rosa (sbamcomics.it)
25.03.2016
Batman v Superman: Dawn of Justice appare comunque un film riuscito. Che adempie diligentemente al compito di riportare la DC al centro dell’agone cine-supereroico e che lancia una bella sfida al dominio marvelliano sull’immaginario crossmediale contemporaneo.

Eye icon
3 Batman V Superman è finalmente giunto nelle sale. I...
3 Batman V Superman è finalmente giunto nelle sale. Il risultato non è magnifico, ma nemmeno da buttare. La sensazione è che Snyder sia rimasto intrappolato tra la voglia, il desiderio di fare un grande film e la necessità della Warner/Dc di recuperare il terreno perso nei confronti del colosso Marvel/Disney. Si passa così dalla prima parte, molto cupa e intimista dove ci vengono presentati i vari personaggi e le loro motivazioni, ad una seconda parte, molto più action nel quale si perde (non del tutto) il senso di quello che era stato creato nella parte precedente, tra buchi di sceneggiatura (Lois Lane e la lancia di Kriptonite) e punti di svolta della storia quantomeno discutibili (la fine dello scontro tra i due eroi poteva e doveva essere realizzato meglio, anche se non discuto l'idea alla base, per me abbastanza azzeccata). Funzionali invece i vari camei, tra cui spicca la splendida Gal Gadot nei panni di Wonder Woman, alla ricerca di qualcosa che gli appartiene e rubatogli da Lex Luthor, per il resto della sua storia si rimanda al suo film in solitaria, con buona pace dei critici bacchettoni. In conclusione, Batman V Superman è un film riuscito a metà, soddisfacente ed esaltante in alcuni punti (l'inizio mi ha fatto venire i brividi, anche il salvataggio della signora Kent) quanto deludente e deprimente in altri; sicuramente è una pellicola non inferiore a molti altri cinecomics della distinta concorrenza acclamati dalla critica. Ps. Sono un fan Marvel e non amo i lavori di Snyder
superman

Globe icon
24.03.2016
Nel cercare di imitare Whedon e Nolan, praticamente, Snyder finisce per perdere addirittura quel poco di buono che nella sua filmografia aveva dimostrato appartenere a sé stesso. Riesce nell'impresa di mettere lo spettatore alle corde, di fargli sperare che il giocattolo che ha davanti finisca di funzionare o si rompa il prima possibile, tanto è seccante e privo di coinvolgimento il suo spingersi oltre.

Eye icon
3 A una prima metà di costruzione, segue finalmente l...
3 A una prima metà di costruzione, segue finalmente l'azione: tanta roba! Da rivedere per apprezzarlo meglio, 3D non iMax abbastanza inutile... Ho dato il mio voto a Batman v Superman: Dawn of Justice | #BatmanVSupermanIT :

Globe icon
Giammario Di Risio (www.close-up.it)
24.03.2016
Resta tuttavia il respiro enorme di genere ,che non sfiora i livelli del capolavoro di Nolan Il Cavaliere Oscuro, ma che presenta ottimi attori e alcune scelte “scanzonate” di ottima fattura. Su questo versante segnaliamo il personaggio interpretato da Jeremy Irons, un progressista e disinibito Alfred, e lo schizzato, fanciullesco Luthor di Jesse Eisenberg.

Eye icon
2 Il tentativo di costruire un universo cinematografi...
2 Il tentativo di costruire un universo cinematografico coerente a partire da un unico film non pensato per questo scopo è apprezzabile, ma la carne al fuoco è troppa, i personaggi sono piatti e noiosi, è quello di Affleck è un Batman imbolsito, tra i più brutti visti finora al cinema. Wonder Woman è strafiga ma da sola non basta. Eccheppalle Lois Lane!

Globe icon
Ferruccio Gattuso (it.cinema.yahoo.com)
24.03.2016
Purtroppo la vera sostanza sta nell'estetica – impeccabile, e dunque gioco forza fredda – e nella monumentalità delle scene d'azione. Quasi come se Snyder avesse provocatoriamente raccolto la sfida degli attacchi al suo “L'Uomo d'Acciaio”  aumentando ulteriormente l'ampiezza e la grandiosità dei combattimenti.

Eye icon
4 Spettacolare, un po' diseguale nella prima parte ma...
4 Spettacolare, un po' diseguale nella prima parte ma potentissimo nella seconda. E niente, poi c'è Wonder Woman... Così... Che fa direttamente scattare gli applausi in sala. | #BatmanVSupermanIT

Globe icon
Andrea Ussia (www.persinsala.it)
24.03.2016
Batman v Superman: Dawn of Justice non è disprezzabile, nonostante la scelta di affiancare al mimetico Hanry Cavill un Ben Affleck che, nei panni di Batman, tende a fare la voce grossa senza mai farsi sentire. Snyder trova, probabilmente, la chiave giusta per accattivare il pubblico: un’estetica pulsante e una vicenda che getta più di un’ombra sul ruolo del supereroe. Seppur esibisca una trama inizialmente confusionaria e spezzettata, la pellicola nella seconda parte appare un degno intrattenimento, che non perde l’occasione per lasciarsi andare a qualche riflessione.

Globe icon
24.03.2016
A faticare davvero per far fluire un briciolo di passione in tutta la traiettoria del kryptoniano rifiutato dagli uomini è in realtà la Lois Lane di Amy Adams. Vero motore sentimentale malauguratamente a sprazzi di tutto l’impianto, è la figurina con più anima dentro un album che non può più permettersi di non essere caoticamente affollato, con dentro mille supereroi “metaumani” e mostri (che hanno, azzardiamo, più d’un debito col Thor branaghiano) che poi Synder non sembra mai realmente interessato a far deflagrare, complice probabilmente la gabbia imperialista del cinecomic, chiudendo il suo kolossal più impersonale con la battaglia finale forse meno impressionante della sua filmografia.

Globe icon
24.03.2016
Batman v Superman è un film che risulta essere, alla fine di oltre due ore di twist improbabili e incoerenze, una grande promessa non mantenuta.

Globe icon
Enrico Azzano (quinlan.it)
24.03.2016
In questo dualismo di inseriscono un po’ maldestramente il Lex Luthor di Jesse Eisenberg, una Wonder Woman dalla spiccata sensualità (Gal Gadot) e una aberrazione kryptoniana che riporterà Snyder all’accumulo fracassone di Sucker Punch. Ed è anche di queste contraddizioni/contrapposizioni che vive Batman v Superman: Dawn of Justice, tanto misurato nell’incipit quanto senza freni nel finale. La messa in scena quasi nolaniana, che per qualche istante ci ha fatto riassaporare la vetta snyderiana Watchmen, è tradita dall’overdose di pixel, esplosioni e tutto quel che segue. Non sono i “mondi che crollano” de L’uomo d’acciaio, ma un accumulo troppo meccanico e grossolano di meraviglie in cgi. Snyder e soci sembrano smarrire proprio sul più bello tutti i buoni propositi. La vulnerabilità di Batman (funzionale la fisicità e lo stile di combattimento di Affleck), il crollo del grattacielo e la nuvola di polvere che riecheggiano l’11 settembre e la questione del “falso dio” si sciolgono come neve al sole, cedendo alla grandeur sguaiata di tanti (troppi) blockbuster. La monumentalità snyderiana ha fondamenta troppo fragili.

Globe icon
Valerio Brandi (www.cinefarm.it)
24.03.2016
Il film vi trasmetterà diverse emozioni, su tutte adrenalina e commozione, e magari realizzerà anche i vostri sogni facendovi sentire dei “bambini felici”.

Globe icon
Federico Pontiggia (www.ilfattoquotidiano.it)
24.03.2016
È un passo saldo o falso? Saldo, tutto sommato, e soprattutto indicativo della “piega” scelta dalla Dc in chiave anti-Marvel: dimenticate la guasconeria di Iron Man, la muscolare sicurezza di Captain America, qui si fa sul serio, qui è vivere e morire a Metropolis o Gotham che dir si svoglia, qui è “Dio contro l’uomo”, come ricorda a Superman Lex Luthor. Se gli Avengers sono potenza di fuoco centrifuga, questi tre, e la futura Justice League in cui entreranno anche al cinema, sono intorcinati, arrovellati: la minaccia aliena è l’eccezione che non invalida la regola centripeta, autoriflessiva, fondamentalmente depressa.

Globe icon
Simona Santoni (www.panorama.it)
24.03.2016
Batman v Superman: Dawn of Justice è più maschio del suo predecessore e meno "intimista". La carambola continua di azione tiene sulle corde, all'inizio, ma alla lunga suscita una certa stanchezza, senza che il coinvolgimento emotivo suoni la carica del pieno coinvolgimento. 

Globe icon
Letizia Rogolino (www.planetmagazine.it)
24.03.2016
Snyder punta molto sulla potenza visiva del film, un fattore che da sempre gli sta molto a cuore, ma tiene comunque le redini della storia, peccando solo in qualche momento poco chiaro sul quale si può passare sopra se si gusta il film come un semplice blockbuster action e scenografico creato per puro intrattenimento. La composizione delle inquadrature lascia senza fiato e respira della magia e di quel senso di etereo a cui Snyder ci ha abituato fino ad oggi. Si può amare od odiare, ma la sua regia è riconoscibile e si distingue per i dettagli.

Globe icon
Francesco Alò (www.badtaste.it)
24.03.2016

Globe icon
Luca Marra (it.ibtimes.com)
24.03.2016
Batman V Superman: Dawn of Justice è un film che regala una grande esperienza, non è un disastro  ma non è completamente riuscito. La sceneggiatura pasticcia un po’ troppo ma restano dei momenti visivi meravigliosi. È come attraversare un fiume in piena: in certi punti vediamo un panorama bellissimo in altri per la sua irruenza si deborda, si perde il controllo sbattendo su ostacoli come lungaggini e banalità di troppo. Resta comunque un film d’impatto.

Globe icon
Luca Svizzeretto (www.filmhousetv.it)
24.03.2016
Personalmente al termine della visione abbiamo provato diversi sentimenti e fatto molte riflessioni ma certamente nulla ci ha infastiditi. La convizione è che davanti ad un prodotto come 'Batman v Superman' bisogna lasciarsi trasportare dalla visione, calarsi nel racconto e vivere a pieno atmosfere ed emozioni.

Globe icon
Matteo Campofiorito (spettacoli.leonardo.it)
24.03.2016
Al di là della bravura degli attori possiamo dire che sceneggiatura, dialoghi e plot non deluderanno i fan del genere e chi è addentro all’universo DC Comics, ma potrebbero risultare meno godibili per chi voglia andare a vedere un film di supereroi senza troppo impegno.

Globe icon
24.03.2016
Batman v Superman è puro entertainment, appena agli sceneggiatori Terrio e Goyer viene lasciato spazio il film perde di appeal e credibilità – un paio di battute davvero pessime -. I lodevoli obiettivi iniziali, lo svelamento dell’uomo dietro l’eroe, la ricerca di Dio, della divinità nell’uomo e dell’uomo nella divinità, giocano a nascondino con degli effetti speciali magistrali. Un pacchetto imballato con stile senza alcuna sorpresa all’interno

Globe icon
Francesco Lomuscio (filmup.leonardo.it)
24.03.2016
Mentre viene giustamente osservato che in una democrazia il bene è il dialogo e non una decisione unilaterale, tra scontri corpo a corpo ed esplosioni non faticano a prevalere la piattezza e la noia tipiche di buona parte dei lavori concepiti dall’autore di “Watchmen” (2009) e “Sucker punch” (2011), il quale, come di consueto, si perde in confusione e fastidioso tripudio di effetti visivi. Ulteriormente complice l’attesa lotta conclusiva con il gigantesco Doomsday... al cui termine si giunge soltanto consapevoli di un fondamentale aspetto: ciò che nelle mani di maestri della celluloide quali Richard Donner e Tim Burton permetteva al pubblico di sognare, rischia esclusivamente di farlo addormentare quando gestito da sopravvalutati mestieranti formatisi nella sempre più fracassona epoca dei cineVgame.

Globe icon
Roberto Vicario (gamesurf.tiscali.it)
24.03.2016
Come potete vedere dal voto, Batman V Superman: Dawn of Justice non ci è piaciuto. Le scelte fatte da Snyder, pur partendo da un incipt di assolutato interesse, non ci hanno convinto. Una regia frenetica, visionaria e ricca di elementi criptici si è scontrata con una sceneggiatura che sembra semplicemente appoggiare la voglia del regista di stupire con le immagini, lasciando all'interpretazione e alle facili conclusioni, passaggi troppo impotanti per il futuro stesso dell'universo cinematografico DC. Non è l'inizio che ci saremmo aspettati, ma confidiamo che ci sarà modo e tempo di migliorare, o almeno è quello che vogliamo sperare!

Globe icon
Boris Sollazzo (www.giornalettismo.com)
24.03.2016
Insomma, al netto della regia che sembra essere presa da Xena, della scrittura che fa sembrare Superman III Quarto Potere, di un Lex Luthor che offusca il talento finora cristallino di Jesse Eisenberg, forse l’occasione persa è quella di non aver deciso di rendere Batman v Superman: Dawn of Justice una parodia dichiarata.

Globe icon
Roberto Leggio (cinebazar.it)
24.03.2016
Fumettone altisonante dalla trama nebulosa ed in parte incoerente, ricicla moltissimo dell'universo della DC Comics, inserendo perfino Lex Luthor (meno pazzarellone e molto più psicopatico del solito) nella diatriba “giusta” tra i due contendenti, che ne approfitta per le proprie mire egoiche. Senza contare l'entrata in scena tardiva di Wonder Woman giunta nello scenario dello scontro mortale, dove fa capolino anche Doomsday, nemico definitivo e l'unico capace di sconfiggere e uccidere Superman, proprio come accadde nel 1992 quando si decise di rinverdire le vendite in picchiata dell'eroe in tuta azzurra. Zack Snyder, ma così muscolare e adrenanilico, frulla tutto e tutti, gettando però le basi per una futura Lega della Giustizia che dovrà fronteggiare nemici sempre più micidiali “interni” ed esterni pronti come sempre a mettere in pericolo la nostra società. Il sentore del raschio del barile è persistente ed il requiem per i supereroi è dunque lontano a venire.

Globe icon
Alessandra Vecchio (www.pianetadonna.it)
24.03.2016
Non solo azione quindi in questo nuovo capitolo. Perché se è vero che effetti speciali, gadget super tecnologici e strategie militari abbondano com’è giusto che sia, tanto spazio hanno anche i tormenti dei personaggi e qualche intermezzo forse troppo melenso tra Superman e Lois. Abbiamo apprezzato questo Batman più vecchio, stanco ed arrabbiato, un eroe reale con i suoi limiti e la sua grandezza, un eroe in cui tutti noi vogliamo e riusciamo ad immedesimarci, un eroe stropicciato, ma cavolo sempre Batman! E che dire di Superman? Superman è e rimarrà sempre Superman! Il salvatore che vorremmo incontrare almeno una volta nella vita, che avvolte nel suo mantello ci fa volteggiare nella stratosfera, la perfezione sotto tutti gli aspetti, l'alieno che ci insegna l'umanità. Capite bene quindi che la scelta tra i nostri supereroi del cuore è davvero impossibile.

Globe icon
Emanuele Zambon (www.melty.it)
24.03.2016
La pellicola trasuda ambizione, scandita dall'enfasi che accompagna ogni singola scena, perennemente musicata. Ma quello che doveva essere un mastodontico sfoggio di estro si risolve in un approccio troppo didascalico e caotico ad un crossover che poteva (e doveva) dare un qualcosa in più. La ricerca (est)etica inseguita con successo ne "L'Uomo d'Acciaio" evapora in "Batman v Superman" già dopo i primi 45 minuti. A nulla vale la splendida esibizione di machismo di Affleck (che si allena come Rocky) e Cavill, preludio alla battaglia finale contro Doomsday (a proposito, per le scene del mostro sul grattacielo attaccato dagli elicotteri il pensiero va a "King Kong"). Il cinecomic apripista del DC Extended Universe poggia sulla ricerca di idoli e sulla commistione fra umano e divino. L'impalcatura però scricchiola, complice qualche buco di sceneggiatura e le troppe parentesi aperte nella prima parte del film (che stenta così a decollare).

Globe icon
Lorenzo Pietroletti (www.movietele.it)
24.03.2016
Le basi e gli spunti sono più che buoni ma gestiti in una maniera pessima che rendono il film prolisso nelle fasi iniziali e finale e confuso nella parte centrale

Globe icon
Matteo Scannavini (www.vgnetwork.it)
24.03.2016
Se devo trovare, al di là di qualche problema a livello di ritmo e gestione dell’intreccio, le ragioni per le quali Dawn of Justice risulta un film dimenticabile, probabilmente bisogna andarle a cercare più nel profondo e, più precisamente, dal materiale al quale si ispira. Sono ragionamenti personali i miei, quindi sentitevi pure liberi di essere in completo disaccordo. Gli eroi DC sfortunatamente non riescono ad essere attuali, non sono riusciti a “invecchiare” bene come Iron Man, gli X-Men e compagnia bella. Prendiamo Superman: l’archetipo del supereroe come lo conosciamo, vestito in costume aderente e mantello dal fluente panneggio dietro. Wonder Woman, donna seminuda con le stelline armata di scudone, lazo da cavallerizza e aeroplano invisibile, impossibile da paragonare solo contro una Vedova Nera qualsiasi. Unicamente Batman può essere definito meno derivativo o sui generis, ma se ci pensiamo bene il personaggio ha acquisito profondità solo dopo la “cura” Nolan. Gli eroi DC risultano quindi troppo bidimensionali, poco sfaccettati, quasi anacronistici e poco adatti all’anno di grazia 2016, a meno di un ripensamento totale anche dal punto di vista del design, cosa che non è assolutamente successa con il nuovo corso di Snyder.

Globe icon
Marco Albanese (stanzedicinema.com)
24.03.2016
Batman v Superman continua a perpetuare l’impronta angosciosa e adulta, che ha sinora caratterizzato l’universo della DC, ponendosi all’esatto opposto dello spettro, rispetto alla leggerezza stucchevole e al cameratismo dell’universo Marvel: Snyder è sinceramente ammirato dai suoi personaggi, protagonisti perfetti del suo cinema superomistico, magniloquente, sempre sopra le righe. Tra i film in uscita per Pasqua, Batman v Superman: Dawn of Justice è, in ogni caso, uno dei più indovinati. In fondo, il suo titolo più giusto sarebbe stato La Passione di Superman.

Globe icon
Fabio Giusti (www.movielicious.it)
24.03.2016
Il risultato è quindi un film che alla seriosità degli intenti giustappone un’estetica tamarra che, al confronto, Paul Verhoeven sembra Fellini e che, soprattutto,  lavora male sia sul versante Gotham, impoverendo Batman dello spessore costruito negli ultimi dieci anni dai tre Dark Knight, che su quello Metropolis, riuscendo a fare anche peggio del già a suo tempo criticatissimo Man of Steel. In definitiva l’impressione è che questo Dawn of Justice sia un mero strumento introduttivo per altri film che verranno, a partire da Wonder Woman (qui utilizzata in modo poco più che ornamentale) fino al collettivo Justice League (la tanto strombazzata presenza di altri supereroi come Aquaman o Flash viene risolta, di fatto, in un’unica scena) ma, nel frattempo, ciò che rimane è un film profondamente irrisolto e, a tratti, anche abbastanza noioso. Peccato.

Globe icon
Andrea Gentile (www.wired.it)
24.03.2016
Snyder procede spedito, continuando la definizione del cosmo abitato dai giganti dei fumetti Dc Comics con il suo sguardo cupo ed epico. Tutto, passato attraverso la lente del regista di 300 e Watchmen, diventa sopra le righe e carico di pathos.

Globe icon
Gianluigi Fedeli (www.gamesoul.it)
23.03.2016
Ben inteso, ci si diverte in alcuni momenti, ci si annoia mortalmente in altri. Il film di Snyder alla fine rimane un grande blockbuster da cinque stelle non proprio adatto per famiglie o minori. Un gioco a se, in cui un bambino troppo cresciuto fa scontrare fra loro tutti i suoi pupazzi, senza una logica, solo per il piacere di immaginarli vivi.

Globe icon
Alberto Cassani (www.cinefile.biz)
23.03.2016
Non contenti di aver ridotto Lex Luthor al rango di psicopatico, Goyer e Chris Terrio (lo sceneggiatore di Argo) provano a condensare trent’anni di fumetti in un’ora e mezza di film, mentre Sneyder decide di far durare il film un’ora più del necessario abusando di ralenti e montaggi alternati. Il risultato è che Batman v Superman è un film pomposo e molesto, sottolineato da una musica insopportabile e popolato da personaggi le cui gesta e soprattutto le cui interazioni sembrano non avere alcuna logica. La cosa peggiore di tutte, però, è forse il fatto che agli spettatori di questi personaggi non potrebbe importare meno: che la guerra tra Batman e Superman la vinca il pipistrello o l’alieno non interessa, quale sia la natura della donna che infastidisce Bruce Wayne non conta, quali segreti custodisca il computer di Luthor non ha importanza. Lo spettacolo è frastornante, ma per nulla avvincente né tantomeno emozionante.

Globe icon
Giorgio Viaro (www.bestmovie.it)
23.03.2016
Questo Batman è senza precedenti, Wonder Woman azzeccata, e molte sequenze d’azione non si dimenticano. Lo scontro nudo e crudo che dà titolo al film, quando accade, funziona.

Globe icon
Mattia Nesto (www.paperstreet.it)
23.03.2016
Il regista, Zack Snyder, che dopo 300 e Watchmen (sempre opere in cui è stato, in minore o maggiore misura, guidato da altri) non ha azzeccato un solo film, toppa ancora una volta. Invece di mettere in scena lo scontro tra i due massimi protagonisti dell’immaginario DC Comics Snyder ha allestito una sorta di bignamino dei poteri dei due (l’uno fortissimo, l’altro ricchissimo, in soldoni) per poi inserire qua e là una serie di scene, francamente paradossali, in cui “fantasmi del passato” visitano i protagonisti, dandogli consigli e rincuorandoli.

Globe icon
Mattia Pasquini (www.film.it)
23.03.2016
Con nelle orecchie l'insistito ripeterci che questo Batman v Superman: Dawn of Justice darà l'avvio a un DC Universe - che inizierà a prendere forma compiuta con il prossimo The Justice League Part One - e a una nuova trilogia di film dedicati al Cavaliere Oscuro, viene piuttosto naturale riconoscere nel suo sviluppo una costruzione condizionata dall'obiettivo finale. Un percorso a ritroso, del quale è chiaro (sarà vero?) il punto di arrivo, ma molto meno il come raggiungerlo… Una debolezza che sembra affettare tanto il progetto, quanto il film in sé, vista la confusionaria successione di eventi, personaggi, riferimenti e cambi di narrativa che ci accompagna per un buon 80% della proiezione, prima di abbandonarci a un finale apocalittico e spettacolare che potrà far fregare le mani a molti appassionati di DC Comics e di albi storici della saga, soprattutto di Superman, e quanti siano in attesa della suddetta prosecuzione.

Globe icon
Daniele De Angelis (www.cineclandestino.it)
23.03.2016
La notizia meno buona riguarda però l’esito finale di questa, a proprio modo ardita, mescolanza di generi assai distanti tra loro; il dramma introspettivo, il thriller politico e l’action survoltato non si fondono mai armonicamente, dando vita ad un’opera di pesantezza – complice anche le due ore e mezzo di durata – pressoché insostenibile. La sceneggiatura non si sofferma quanto dovuto nella descrizione del travaglio interiore di Superman e Batman, supereroi che restano troppo ancorati ad una iconografia tradizionale per spiccare un nuovo volo verso quegli altri lidi che forse un’operazione di siffatta tipologia avrebbe preteso. E Henry Cavill e Ben Affleck, calatisi nei rispettivi costumi, mostrano una rigidità che non scaturisce solamente dalle loro, discutibili, doti attoriali. In più la regia di Zack Snyder conferma la predisposizione “genetica” ad una magniloquenza formale tendente al tronfio gratuito, come ampiamente dimostrato in regie precedenti.

Globe icon
Angelica Vianello (www.loudvision.it)
23.03.2016
Snyder aveva troppi giocattoli a cui dare i resti, e non ha saputo bilanciare l’antagonismo degli eroi con l’atteggiamento intimista vagamente raggiunto solo in alcuni frammenti.

Globe icon
Davide Sica (www.cinemamente.com)
23.03.2016
Batman v Superman: Dawn of Justice contiene al suo interno quella sana dose di fascino da antico cinecomic che lascia presagire l’inizio di un franchise dalle potenzialità ottime.

Globe icon
Diego Cajelli (www.dailybest.it)
23.03.2016
Un’opera di epica classica che spiazza lo spettatore.

Globe icon
Silvia Casini (www.direttanews.it)
23.03.2016
Zack Snyder costruisce un film che per due ore e mezza non fa altro che contrapporre la scorza dura del bell’alieno Clark Kent alla rabbiosa umanità di Bruce Wayne. Il problema è che facendo un uso massiccio degli effetti speciali e disseminando la pellicola di twist, di visioni surreali, premonizioni e chi più ne ha più ne metta, tutto diventa un po’ posticcio e confusionario. A tale carenza narrativa, il regista prova a ovviare con una dose esagerata di epicità, caos e 3D, finendo per mettere troppa carne al fuoco, tra personaggi, tematiche, sfumature da spy story e saliscendi emotivi.

Globe icon
Marcello Lembo (www.mondofilm.it)
23.03.2016
A prescindere dai suoi eroi però non tutto funziona in Batman v Superman, vuoi perché le due ore e mezzo di durata, senza il balsamo dell’umorismo e il passatempo dell’azione, potrebbero avere la meglio su uno spettatore meno appassionato, vuoi perché le esigenze del franchise costringono gli sceneggiatori a inserire elementi di trama che allungano i tempi senza pagare dividendi, almeno non in questo film, per una dinamica da serie tv che di fronte alle cadenze più serrate, alle forme più circoscritte del cinema, si traduce in una sorgente di dissonanze se non di vere stonature.

Globe icon
Roberto Semprebene (www.silenzio-in-sala.com)
23.03.2016
Gli aspetti che lasciano più perplessi, oltre ai problemi di sceneggiatura riportati nei limiti del non spoiler, sono una fotografia grigia che più grigia non si può, talmente grigia e piatta che ad esempio non si riesce ad apprezzare il design della batmobile, apparentemente una delle più belle di sempre, ma completamente impastata nel buio durante l’inseguimento che la vede protagonista. Anche la colonna sonora non colpisce particolarmente per nessun tema e non sottolinea con la dovuta enfasi i passaggi più determinanti. Nel complesso, se da una parte si intuisce lo sforzo fatto per costruire una base articolata per l’universo condiviso made in DC e si apprezzano alcune delle scelte e dei risultati raggiunti, nel suo insieme Batman V Superman: Dawn of Justice risulta poco digeribile, un film di troppe pretese e troppi contenuti poco amalgamati, che si cala nel solco de L'Uomo d'Acciaio più che porsi come pietra angolare di una solida nuova costruzione.

Globe icon
Giorgio Parma (www.comicus.it)
23.03.2016
Giudizio misto quello che diamo su questa prova di Snyder e della DC in generale, su questo Batman v Superman, che rimane comunque un buon film, che rende giustizia ad alcuni personaggi, meno ad altri, ma eccede sotto molti punti di vista, mettendo troppa carne al fuoco e focalizzando poco gli obiettivi, proponendo, è vero, una sapiente dose di azione ben amalgamata e alternata a confronti più dibattimentali, più ideologici, che non risulta quasi mai scontata ma a volte eccessiva, riservando però numerosi cliffhanger e colpi di scena. Vi consigliamo di andare a vedere questo primo capitolo per farvi un'idea di quello che sarà la nuova serie di cinecomic targati DC Comics e Warner Bros. che comincia bene, sia chiaro, ma di certo non con un film perfetto, fornendo comunque un'alternativa quantomeno valida a quanto fatto dai Marvel Studios.

Globe icon
Carlo Andriani (www.newscinema.it)
23.03.2016
Dawn of Justice presenta punti di forza come lo spirito e l’ironia bondiani, una Wonder Woman di grande impatto e le spettacolari musiche di Hans Zimmer e Junkie XL che accompagnano con enfasi le migliori sequenze del film. Il risultato è il ritorno al cinecomic giocoso, divertente, fracassone ed emozionante e il preambolo di The Justice League, la prossima mossa targata Warner Bros che vedrà tutti i supereroi DC lottare in un epico blockbuster ancora una volta diretto da Zack Snyder.

Globe icon
Federico Pontiggia (www.cinematografo.it)
23.03.2016
Programmatico, perché deve informare la Justice League una (2017) e bina (2019) che verrà, sintetico, tra la trilogia del Cavaliere Oscuro e Man of Steel, e parafrastico, perché all’epica sostituisce la tattica, al pathos il male di vivere. Sono supereroi borghesi, cui la regia di Snyder offre un compendio solido ma senza entusiasmi e la sceneggiatura, firmata da Chris Terrio e David S. Goyer, snodi e risoluzioni talvolta indegni di un blockbuster da 400 milioni di dollari.

Globe icon
Gabriele Niola (www.badtaste.it)
23.03.2016
Sarebbe inaccettabile in qualsiasi altro film (e per molti lo sarà anche qui), ma non si può negare che in questa versione rivista e corretta dell’Uomo D’Acciaio, che ne mitiga un po’ la confusione distruttiva e cerca di donargli più fascino, spianando la strada all’allargamento dell’universo DC al cinema (anche con un po’ di goffaggine rispetto alla concorrenza), ci siano alcune delle migliori trovate visive in assoluto del cinema di supereroi.

Globe icon
Daniele Daccò (www.orgoglionerd.it)
23.03.2016
Dawn of Justice risulta un prodotto affrettato, una pellicola che sembra voler a tutti i costi un sequel, che non riesce a reggersi in piedi da sola, ma vuole solamente dire “abbiamo una continuity”, ci stiamo arrivando.

Globe icon
Stefano Dell'Unto (www.mangaforever.net)
23.03.2016
Come accaduto con L’Uomo d’Acciaio anche stavolta verrà a crearsi un esercito di sostenitori e ci saranno infinite discussioni ma il film è di fatto carente sotto ogni aspetto anche se lascia qualche spiraglio d’ottimismo in ottica futura. Wonder Woman sembra interessante e si può lavorare su questo nuovo Batman, ancora grezzo ma promettente. Se il DC Universe cinematografico si è finalmente sbarazzato di David Goyer, forse c’è speranza anche per i film sulla Justice League.

Globe icon
Marco Lucio Papaleo (cinema.everyeye.it)
23.03.2016
Si tratta di un film difficile da fruire ed elaborare, interessante ma con poco mordente, non equilibrato ma, tutto sommato, godibile.

Globe icon
Chiara Guida (www.cinefilos.it)
23.03.2016
Batman v Superman Dawn of Justice riesce a consegnare allo spettatore il senso dell’epica e del combattimento titanico che viene messo in scena.

Globe icon
Antonio Maria Abate (www.cineblog.it)
23.03.2016
Batman vs. Superman - Dawn of Justice è sostanzialmente un film irrisolto, come L’uomo d’acciaio ma in modo diverso. Così come nel prequel non si sapeva come tenere in piedi un intero film, perso in un’amalgama che lo rende insipido, questo sequel è a conti fatti un lungo ma debole preludio a quella portata che s’immagina più ricca, ossia Justice League. Ma di incompleto in incompleto non si ottiene un’opera compiuta, ed anche quelle intuizioni che hanno senz’altro un loro perché si perdono, sepolte da una congerie di materiale non proprio omogeneo

Globe icon
Luca Liguori (movieplayer.it)
23.03.2016
Il problema sta nell'accoppiata Snyder-Goyer che fa esattamente lo stesso errore commesso nel film precedente, ovvero arrivati ad un certo punto della pellicola sembra volutamente perdere di vista quanto aveva fino ad allora costruito, in alcuni punti anche discretamente, per trasformare il tutto nel più banale ed inutile dei blockbuster. Nemmeno di quelli più autoriali degli ultimi anni, ma di quei blockbuster fracassoni, rumorosi e eccessivi che avevamo subito per tanto tempo e di cui, francamente, non sentivamo la mancanza.

Globe icon
Emanuele Sacchi (www.mymovies.it)
23.03.2016
Massima spettacolarizzazione per uno scontro letale che prelude a un nuovo inizio per i giustizieri della DC.

Globe icon
Alessia Arnold (seesound.it)
23.03.2016
Batman V Superman: Dawn of Justice è un film consigliato per la performance degli attori e per l'azione spettacolare, che tuttavia risulta spesso appesantito e poco scorrevole.

Globe icon
Domenico Misciagna (www.comingsoon.it)
23.03.2016
Batman V Superman ha l'enorme limite di voler mantenere due piedi in una scarpa.

Globe icon
23.03.2016
Batman v Superman è un film valido, una lettera d’amore all’universo della DC e ai fan, un film che vi sorprenderà, sicuramente, che lo amiate o meno, un’apripista a qualcosa di più grande, una storia che è forte nello sconvolgere il suo pubblico e nel farlo ragionare con delle questioni interessanti.

Globe icon
Giulio Cicala (www.cinetvlandia.it)
23.03.2016
La storia è raccontata male e non coinvolge mai, articolata in modo contorto da far perdere le fila e capire in maniera logica e convincente come si arriva fino alla fine. Sia chiaro momenti interessanti ci sono, insieme a colpi di scena inaspettati e molto graditi, però non basta a salvare una pellicola che anche come regia non è per niente d'aiuto alla resa e al successo del cinecomics. Zack Snyder mostra ancora una volta tutti i suoi limiti di narratore in modo avvincente con la macchina da presa.

Globe icon
Robbie Collin (www.telegraph.co.uk)
23.03.2016
Nessun altro blockbuster in tempi recenti è stato strutturato in maniera tanto incoerente, o si è rivelato così disinteressato a raccontare una storia con chiarezza ed intento.

Globe icon
Fionnuala Halligan (www.screendaily.com)
23.03.2016
Batman v Superman è chiassoso, disordinato e confuso.

Globe icon
Chris Nashawaty (www.ew.com)
23.03.2016
Dawn of Justice non rende giustizia alla storia. È stracolmo, confusionario, ed ulteriormente rovinato dalla performance esagerata di Eisenberg.

Globe icon
Nick de Semlyen (www.empireonline.com)
23.03.2016
L'intera impresa vale la pena grazie ad alcuni momenti, ed introduce un Batman nuovo ed intrigante. Ma il film è anche disordinato ed instabile da un punto di vista narrativo; inoltre, qualche battuta non avrebbe fatto male.

Globe icon
Matt Zoller Seitz (www.rogerebert.com)
23.03.2016
Ci sono un paio di momenti realizzati in maniera geniale, e la recitazione è perlopiù convincente nonostante una sceneggiatura debole (Affleck e Cavill sono entrambi superbi—inaspettatamente per quanto riguarda Affleck), ed ogni scena è intrisa di puro materiale mitico da poter creare un grande classico nella propria testa se ci si sente caritatevoli; se così non fosse, Batman v Superman non sembrerà altro che un'occasione mancata.

Globe icon
Andrew Barker (variety.com)
23.03.2016
Zack Snyder spiana la strada per l'universo cinematografico DC Comics con un esaltante, se a tratti confuso, scontro finale tra titani.

Globe icon
Brian Truitt (www.usatoday.com)
23.03.2016
Batman v Superman soddisferà coloro che volevano vedere questi due personaggi così importanti scontrarsi tra di loro sul grande schermo, o coloro che anelavano per Wonder Woman. Piacerà anche alle folle più nerd: una veloce occhiata agli altri supereroi suggerisce quanto questa possa essere l'Alba di qualcosa di sensazionale.

Globe icon
Peter Travers (www.rollingstone.com)
23.03.2016
Migliore di Man of Steel, ma non ai livelli de Il Cavaliere Oscuro di Nolan, Dawn Of Justice resta comunque un colosso, la materia di cui sono fatti i sogni targati DC Comics per quel bambino in ognuno di noi che brama di vedere lo scontro tra Batman e Superman.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
83
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative