Eye icon
4 Mantiene gli elementi positivi del primo: anche se ...
4 Mantiene gli elementi positivi del primo: anche se non introduce novità, regge e diverte! Ho dato il mio voto a Now You See Me 2 | #‪NowYouSeeMe2‬ :

Globe icon
Luca Trimboli (vigamusmagazine.com)
08.06.2016
Now You See Me 2 riesce a raccogliere l’eredità del primo capitolo e affinando la tecnica, preferendo lasciare da parte gli effetti speciali così da incantare il pubblico grazie alle capacità da illusionisti che il cast ha maturato nei corso dei mesi. Lanciare una carta con tale intensità o manipolarla con una naturalezza inaudita è il frutto di tanto allenamento da parte degli attori che giorno dopo giorno si sono avvicinati sempre più a un livello simile agli esperti del settore, riuscendo così a creare un’illusione capace di incantare gli spettatori, che sia dunque il vero fulcro del film. In uscita nelle sale il prossimo 8 giugno, Now You See Me 2 è l’ideale per gli amanti dell’arte della manipolazione, oltre che per chi apprezza la magia in tutte le sue sfaccettature.

Eye icon
4 Mix talmente perfetto di magia, azione e humor da f...
4 Mix talmente perfetto di magia, azione e humor da far passare in secondo piano voragini di sceneggiatura e colpi di scena assurdi. Al pari del primo. | #‪NowYouSeeMe2‬

Globe icon
Martina Ponziani (www.vertigo24.net)
08.06.2016
Un secondo capitolo privo di originalità che rischia la parodia con l'ingresso delle new entry.

Globe icon
Ludovico Lamarra (www.nerdface.it)
08.06.2016
Tornano i Quattro Cavalieri e con essi i grandi numeri d'illusionismo, ma si perde un po' di magia. Now You See Me 2 punta maggiormente sull'azione complessiva e i ritmi forsennati, tralasciando un po' troppo la meraviglia e lo stupore, che dovrebbero essere, invece, gli ingredienti principali del film. Peccato, perché in ogni caso si tratta di una bella saga sorretta da un cast notevole, tra mostri sacri come Morgan Freeman e Michael Caine, e nuovi attori come Jesse Eisenberg, cui si unisce anche Daniel Radcliffe.

Globe icon
Marta Leggio (www.cinemamente.com)
08.06.2016
Non basta il rallenty delle loro entrate negli spettacoli a creare un certo pathos per un film che non presenta nessuna relazione interessante, come ad esempio quella tra la poliziotta francese e Mark Ruffalo nel primo episodio. Non basta l’illusionismo a creare magia e questo film fa capire quanto sia il carisma di una persona, più che le proprie capacità, a renderla interessante.

Globe icon
Marco Minniti (quinlan.it)
08.06.2016
Resta certo apprezzabile, in chiave di ironico rimando e contrappasso, la presenza di Daniel Radcliffe nell’insolito ruolo di villain, col suo incarnare un personaggio impegnato a sottolineare la superiorità della scienza sulla magia. Resta la generale, buona fattura della messa in scena, la complessiva, maggiore compattezza narrativa dello script rispetto a quello del primo film (pur a scapito di originalità, capacità di stupire e spessore); resta la suggestione, in chiave di semi-cliffhanger narrativo, introdotta da un happy ending più che mai aperto. Una chiusura che spinge, malgrado tutto, a restare in sala fino alla fine dei titoli di coda (in attesa di un post-finale che – lo diciamo subito – non c’è); e che spiana la strada, in modo più esplicito che mai, al già annunciato terzo capitolo. A proseguire un franchise che continua ad ispirare, malgrado la sua qualità – anche all’interno del singolo film – spesso intermittente, un’innata simpatia. E che auspichiamo recuperi, da amanti (anche) di una concezione più lieve ed effimera dello spettacolo cinematografico, un po’ del suo originale potenziale ammaliante.

Globe icon
Marianna Cappi (www.mymovies.it)
08.06.2016
Una buona idea iniziale per un film verbosissimo che sciupa da sé il suo potenziale e indubbio fascino.

Globe icon
Ludovica Ottaviani (www.cinefilos.it)
08.06.2016
Spendere qualche parola in più sulla trama di Now You See Me 2 è necessario, considerando l’approccio che regista, sceneggiatori e produttori hanno avuto nei confronti del film: facendosi aiutare anche da esperti prestigiatori – qui coinvolti come consulenti – la scelta è ricaduta su una struttura narrativa portante ancora più complessa, contorta e dedalica rispetto al precedente capitolo; ma questa mossa, invece che rivelarsi vincente, ha generato una pericolosa arma a doppio taglio che – proprio come un pericoloso trucco d’escapologia – rischia di fallire da un momento all’altro, restando in bilico tra il fascino, eterno ed imperituro, della sorpresa e dello stupore scaturiti dal prestigio, dal trucco percettibile – ma difficile da afferrare e decifrare – e la rovinosa messinscena eccessiva, barocca, ridondante e “fracassona” che segue l’ormai consolidato target, del cinema statunitense mainstream, dove “intrattenimento” fa rima con divertimento, umorismo semplice ed effetti speciali fantasmagorici.  

Globe icon
Gabriele Niola (www.badtaste.it)
08.06.2016
Il film sembra adeguarsi agli standard sentimentali molto ingenui del cinema popolare orientale, sia per quanto riguarda il pudore che per quanto riguarda l’ingenuità nel descrivere e manipolare i sentimenti.

Globe icon
Lilly Leone (www.cubemagazine.it)
08.06.2016
Il film è piacevole e originale, la trama avvincente con un finale a sorpresa, molto spettacolare ma senza esagerazioni. Le interpretazioni degli attori sono di alto livello, in particolare quella di Mark Ruffalo, Michael Caine e Woody Harrelson. Dei veri giganti del cinema internazionale!

Globe icon
Mattia Pasquini (www.film.it)
08.06.2016
Nelle location sembra cercarsi più l'eccezionalità del palcoscenico e gli stessi personaggi si alternano sotto i riflettori o davanti alla macchina in un eccessivo sfoggio di sé (evidentemente richiesto dal necessario sfruttamento dei vari Jesse Eisenberg, Mark Ruffalo, Dave Franco, Woody Harrelson, Michael Caine, Morgan Freeman, Daniel Radcliffe e Lizzy Caplan), concedendo pose stucchevoli e battute poco organiche al contesto. Il problema qui non è tanto quello di sospendere l'incredulità per non rovinare l'effetto dei trucchi e delle magie che appaiono sullo schermo, ma che il film sembri tentare di riempire gli spazi tra questi ultimi con poco credibili, insistite al limite del noioso, spesso inessenziali sequenze di azione e con una trama crime dalle fondamenta molto labili.

Globe icon
Federico Gironi (www.comingsoon.it)
08.06.2016
Chu e il suo film s'incartano e si fanno un po' goffi quando vogliono accumulare un colpo di scena dietro l'altro, un'illusione dietro l'altra, senza che a reggere il gioco ci sia una sceneggiatura in grado di sostenere tutto con la logica e con l'agilità. E l'agilità manca anche nel potrare avanti l'altro pilastro tematico del film, assieme alla giustizia sociale: quello dei padri e dei figli e delle vendette dei secondi nel nome dei primi, portate avanti tanto dal Dylan di Ruffalo quanto dal personaggio di Radcliffe, e entrambe destinate a un esito tanto beffardo quanto scontato. Lì si fissa il trucco, il meccanismo, e non l'illusione. E ci si annoia un po', perché a lungo andare la ripetizione di uno schema diventa prevedibile. Magari non per Dylan e i Cavalieri, che alla fine “il prestigio” lo portano a casa, ma per Chu e Now You See Me 2, sì.

Globe icon
Nico Parente (www.cinematografo.it)
08.06.2016
Il sequel mantiene la magia: action ricco di colpi di scena e dal forte impatto visivo.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
14
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative