User icon
Marco Lucio Papaleo (ScreenWeek)
10.02.2017
Gli amatissimi mattoncini danesi travolgono un'altra volta il mondo del cinema, complice uno dei supereroi più amati di sempre.

Eye icon
4 Ho dato il mio voto a LEGO Batman iI Film | #‎LEGOB...
4 Ho dato il mio voto a LEGO Batman iI Film | #‎LEGOBatmanIlFilm : l'introduzione è meravigliosa e geniale. Intervenire sulle parti "istituzionali" del film, come i titoli di testa e di coda, è una delle cose più belle che si possono fare. Andate a vedere Papito che combatte contro Voldemort <3

Globe icon
Fabio Giusti (www.movielicious.it)
09.02.2017
Rispetto al film di Phil Lord e Christopher Miller magari qui viene a mancare la geniale trovata metatestuale del doppio piano realtà/gioco, ma si guadagna senz’altro qualcosa in termini di spettacolo e goduria cinefila. Generatore inesauribile di rimandi a tutto il cinema di intrattenimento che conta, il film di Chris MCKay è infatti un miracolo di fruizione multistrato, appetibile in egual misura sia ad un pubblico bimbo – che si limiti a ridere delle rocambolesche avventure di un tronfio supereroe di plastica dura –  che agli spettatori più adulti, capace di cogliere tutti (o quasi) i riferimenti disseminati ad arte lungo la storia.

Globe icon
Vincenzo Carboni (www.persinsala.it)
09.02.2017
I bambini troveranno di che divertirsi a vedere il loro eroe fare i capricci col papà (come ogni padre vuole che esca un po’, faccia una normale vita di relazione), ma anche liberare la città da una bomba che rischia di sprofondarla. Tuttavia non credano i genitori che le gesta del pipistrello volante non parli anche a loro. La metafora dei celebri mattoncini Lego ci dice che per costruire bisogna unirsi, essere disponibili a far parte di qualcosa di più grande, che in parte ci trascende, ma che allo stesso tempo valorizza il nostro essere più profondo. Quando tutto sembra avviarsi alla distruzione, non resta che costruire ponti con la nostra parte più indigesta al rapporto con gli altri. In questo momento di gridate divisioni e di nazionali egoismi, non è un messaggio da poco.

Globe icon
Enrico Azzano (quinlan.it)
09.02.2017
Lego Batman lascia un retrogusto amaro, nonostante il ritmo, le canzoni, le risate. Nell’orgia cromatica, nell’accumulo di supereroi e supercattivi, tra baci e abbracci, si finisce per intravedere una nuovola nera all’orizzonte: altri sequel, un’altra spermuta di immaginario, l’ennesimo trionfo dell’animazione commerciale statunitense sull’animazione indipendente, magari europea, probabilmente francese, spesso nipponica. C’è un mondo altro dietro il mantello dell’uomo pipistello.

Globe icon
Aurelio Vindigni Ricca (www.vertigo24.net)
09.02.2017
Adora il beat-box e i vestiti con i lustrini, ma soprattutto ama la sua solitudine, che è anche la sua corazza. Non avere una famiglia significa non poter perdere nessun altro, dunque non provare altro immenso dolore; questa condizione però non può esistere per sempre, la vita ci pone – presto o tardi – davanti a situazioni strambe che magari ci fanno riconsiderare tutto. Il cuore di questo nuovo film targato Warner Bros. si ritrova proprio in questo, nell’elaborare a pieno il lutto e aprire l’anima agli altri, nel capire che non sempre si può riuscire a far tutto da soli, che al contrario c’è spesso bisogno di una squadra per raggiungere degli obiettivi. Quello che sembra un noioso trattato filosofico e morale, è in realtà ben camuffato in un’opera colorata e spassosa, adatta agli adulti come ai più piccini. Gli scrittori di LEGO Batman hanno pensato soprattutto ai bambini, inserendo continuamente gag e situazioni imbarazzanti, c’è però molto materiale rivolto anche agli adulti. Fra le righe c’è infatti un chiaro messaggio destinato ai genitori (ai padri soprattutto) che parla dell’atteggiamento che si ha verso i figli, della presunzione e dell’autorità – a volte ingiustificata. Ai più grandi sono anche rivolte le decine di citazioni presenti nel film, che celebrano il personaggio cinematografico di Batman dagli albori sino ai giorni nostri.

Globe icon
Cristina Resa (www.loudvision.it)
09.02.2017
Si può dire che “LEGO Batman – Il film” sia la migliore parodia di Batman di sempre e, allo stesso tempo, il film Warner-DC più riuscito degli ultimi anni. Non credo sia poco, per un film basato su dei mattoncini da costruzione, per quanto iconici siano.

Globe icon
Giulia Anastasi (www.cinefilos.it)
09.02.2017
Citazionismo cinefilo e allusioni omo-erotiche più o meno esplicite, corredano questo piccolo film, perfettamente concepito come un divertissement per piccini ma soprattutto per adulti che non hanno mai smesso di amare il Cavaliere Oscuro.

Globe icon
Federica Rizzo (darumaview.it)
09.02.2017
Con un protagonista dissacrante e con una storia ben scritta, inaspettatamente profonda, prova di umanità e di crescita, il film di Chris McKay è un’opera che si rivolge in particolare agli appassionati (con diverse citazioni, alcune geniali) e al pubblico dei più piccoli, che non potranno non divertirsi di fronte alle avventure di Batman. Una pellicola divertente, ironica, capace di tenere il ritmo dall'inizio alla fine senza mai prendersi sul serio e riuscendo ad essere profonda e convincente al tempo stesso.

Globe icon
Nicoletta Manganotti (www.milanoweekend.it)
09.02.2017
A enfatizzare questa bagarre di personaggi e situazioni c’è un lavoro accurato di animazione digitale con qualità stop motion e figure create da migliaia di mattoncini digitali. Un microcosmo con dei protagonisti ben contestualizzati e ambientati, dinamici e sfaccettati. Merito anche dei doppiatori, l’eccellente performance italiana di Claudio Santamaria, che oltre a prestare la sua voce a Bale, si è cimentato in questa versione mignon e alternativa del Cavaliere.

Globe icon
08.02.2017
Lego Batman Movie è un dispositivo continuo dello stupore e del rovesciamento sensoriale, ottenuto rimpinzando oltre ogni livello di saturazione il calderone di riferimenti, personaggi buoni e cattivi da decine di racconti differenti (non solo le decine di antagonisti, anche inventati di sana pianta, di Batman, ma anche Voldemort, Sauron, Dracula, King Kong…), magie dell’animazione computerizzata, gag e sterzate di tono improvvise. Il risultato, a metà tra il frastornante e l’esaltante, chiarisce forse definitivamente l’importanza del romanziere-divenuto-produttore-hollywoodiano (anche del prossimo The Lego Ninjago Movie) Seth Grahame-Smith in ogni discorso che intenda ragionare sulle nuove vertigini narrative e strutturali del post-tutto.

Globe icon
Daniele De Angelis (www.cineclandestino.it)
08.02.2017
Così, mentre il cinefilo più o meno adulto potrà gustarsi autentiche chicche quali le origini del rapporto affettuosamente edipico che lega Batman e Robin oppure il sottofinale capace di rivoltare nel sorriso il crepuscolare, malinconico termine della trilogia nolaniana, Lego Batman riesce a far proprio, in senso lato, il modus operandi tipico del musical ottimista vecchio stampo: tutti insieme, eroi positivi e negativi a salvare la città, tenendo ben presente che solo in questo modo si potrà compiere l’impresa di salvare un mondo di dimensioni assai maggiori, cioè quello presente nella vita di tutti i giorni non appena si esce da una sala cinematografica. Al giorno d’oggi minacciato da molti più pericoli di quanto si voglia vedere. Perciò olio di gomito e sviluppo di addominali – coloro che vedranno il film capiranno – ad unire adulti e piccini: unica via per evitare un disastro solo in apparenza lontano. Come troppi ci vogliono far credere.

Globe icon
Andrea Bianciardi (www.taxidrivers.it)
08.02.2017
Lego Batman è un film da vedere, da amare (il Joker direbbe da odiare) per la leggerezza con cui tiene incollati alla poltrona e permette anche ai più piccoli di affrontare tematiche non facilmente assimilabili in giovanissima età.

Globe icon
Eleonora Materazzo (www.filmforlife.org)
08.02.2017
Il film va oltre l’esperienza del suo prequel, giocando con collegamenti interni ed esterni al mondo cinematografico, ironizzando e autoironizzando continuamente.

Globe icon
Martina Barone (www.cinematographe.it)
08.02.2017
Tra drammi personali e inseguimenti al cardiopalma, LEGO Batman Il film sfrutta nuovamente le abilità dei mastri costruttori per fabbricare una Gotham City che deve fronteggiare la minaccia di Joker e dei suoi supercattivoni, tramite un utilizzo impressionante e straordinario dei tempi comici, narrativi e registici, i quali si mostrano al loro massimo nelle scene d’azione, con una sequenza iniziale da fare invidia ai migliori action movie. LEGO Batman Il film vive del suo personaggio principale e delle varie declinazioni che negli anni ha assunto in diverse chiavi e in diversi generi, ma che mai era stato descritto con tale vis comica a racchiudere la potenzialità del suo isolamento e trasformandolo in un punto di forza per battute e trovate esilaranti.

Globe icon
Sandra Martone (cinema.everyeye.it)
08.02.2017
Usando la vincente arma della parodia, The LEGO Batman sfrutta l’egocentrica simpatia del personaggio che già abbiamo avuto il piacere di conoscere in The LEGO Movie per regalare continui sorrisi al pubblico e, al contempo, spoglia il supereroe di ogni armatura - fisica ed emotiva - per mostrarci le sue fragilità e le sue paure. Forte di una moltitudine di personaggi irresistibili, di tante citazioni d’autore che faranno piacere agli amanti dell’Uomo Pipistrello (e non solo!) e della capacità di non prendersi troppo sul serio, Warner Bros. ci consegna il più sincero bat-blockbuster di sempre e forse il più surreale e riuscito cinecomic di nuova generazione.

Globe icon
Antonio Maria Abate (www.cineblog.it)
08.02.2017
LEGO Batman - Il film è un progetto intelligente, anche perché trasversale, un gioco che diverte di gusto, in buona sostanza prendendosi gioco di ciò che parte della nostra cultura ha di più sacro. Eppure non è pedante, anzi in alcuni casi riesce pure a manifestare un’inaspettata dolcezza, che tra le pieghe di un racconto convenzionale inserisce tanti di quei rimandi in relazione ai quali servirebbe un articolo a parte. Eppure chiunque può rispondere molto bene, specie chi, per evidenti limiti d’età, di quanto evidenziato sino ad ora non saprebbe che farsene.

Globe icon
Augusto D'Amante (www.mondofilm.it)
08.02.2017
La pellicola di McKay, pur non superiore al precedente The LEGO Movie, intavola un certo discorso metacinematografico che si gioca non tanto sul terreno della dissacrazione, ma su quello dello scherzo, della presa in giro a fin di bene (quando Alfred ricorda a Batman tutte le volte che lo ha visto giù di morale, ad esempio). Il tutto impastato in una storia che, anche se non ha assolutamente niente di innovativo, fornisce tutti gli elementi giusti per la risata. Su questa strada si avvia uno dei filoni principali del film su cui è il caso di soffermarsi di più: il rapporto tra l’eroe e la sua nemesi. Qui la riflessione si fa profonda, pur non rinunciando alla sua leggerezza: eroe e villain sono due facce della stessa medaglia, diventano elementi di una coppia indissolubile e, proprio per questo motivo, non possono vivere lontani. Sfidarsi e combattersi continuamente sono il pretesto che i due hanno per capire meglio non solo loro stessi, ma anche l’altro. Solo riconoscendosi come tali, gli equilibri spezzati si ricompongono e danno al lungometraggio quel simpatico retrogusto di una dolcissima storia d’amore. E odio.

Globe icon
08.02.2017
Malgrado le premesse, è un Batman tutto da ridere quindi quello nato come spin-off da "The Lego Movie", un Batman che adotta un tipo di comicità demenziale, parodistica, teoricamente trasversale in termini anagrafici, ma forse più aderente ed indicata per un pubblico più acerbo (anche se quando guarda “Jerry Maguire” nella sua saletta cinema possono ridere solo gli adulti). Non sempre infatti il taglio brillante della pellicola riesce a raccogliere gli effetti desiderati, a trovare una quadratura armoniosa, a risultare efficace nello strizzare ironicamente l'occhio alla Storia del personaggio: a cui dimostra comunque di aver dedicato molta cura e attenzione, chiamando in causa riferimenti relativi a versioni televisive, cinematografiche e fumettistiche, comprese di insinuazioni, sottotesti e vezzi. La volontà pare quella di non voler forare mai la barriera del semplice diletto, di accontentarsi della presa in giro, di una caratterizzazione infantile, sebbene a fronte sia percepibile l'esistenza di una trama scaltra nel saper toccare corde interessanti, a cui si poteva dare decisamente più consistenza. Ma forse, in fondo, è giusto così, forse fa tutto parte dell’universo Lego questo non volersi prendere sul serio.

Globe icon
Rosanna Donato (filmup.leonardo.it)
08.02.2017
Come in tutte le pellicole cinematografiche, anche il progetto di Chris McKay presenta aspetti positivi e aspetti negativi, ma possiamo dire che il risultato finale merita di essere visto al cinema. Punto di forza di LEGO Batman Il Film (dai creatori di The lego Movie) è la caratterizzazione profonda dei personaggi, a partire dallo stesso Bruce Wyne. Una particolare attenzione è volta all’aspetto psicologico di essi in quanto è chiaro che ognuno di loro ha speranze, aspettative, crede in qualcosa e prova emozioni forti che, come spesso accade, talvolta vengono spazzate via a causa di un passato troppo ingombrante o di qualcuno che non riesce a vedere al di là del suo naso, un uomo egoista che non conosce il significato della vera felicità perché non l’ha mai raggiunta.

Globe icon
Giulio Cicala (www.cinetvlandia.it)
07.02.2017
Lego Batman il film è un capolavoro? Forse si o forse no, sarebbe necessaria una seconda visione per sciogliere il dubbio perchè la pellicola di Chris McKay, scritta da Seth Grahame-Smith, è veramente densa di stimoli e riflessioni, oltre al (ec)citazionismo, di sicuro però possiamo dire che è un ottimo film, assolutamente inaspettato, in grado anche di emozionare. Il film è questo e tanto altro, in grado di rivolgersi ad un pubblico veramente trasversale e di qualunque fascia d'età, dalla più giovane a quella più adulta, con argomenti anche molto maturi legati alla propria identità e sessualità. Speriamo che l'Accademy Awards non compia l'errore fatto in passato di non candidare il film d'animazione della Lego, sarebbe l'ennesimo grosso errore di non capire quanto l'animazione parli di noi esseri umani in carne ed ossa.  

Globe icon
Massimiliano Martini (www.martiniagitato.it)
07.02.2017
LEGO Batman – Il Film è una sorpresa continua. Una pellicola divertente, ironica, capace di tenere il ritmo dall'inizio alla fine senza mai prendersi sul serio e riuscendo ad essere profonda e convincente al tempo stesso. Un lungometraggio d’animazione destinato a diventare un cult!

Globe icon
Christian Auricchio (www.freneek.it)
07.02.2017
Ma al di là della trama ben orchestrata, dell’animazione 100% Lego, della colonna sonora, che soddisferà tutte le orecchie, spaziando dall’ormai imprescindibile disco music all’onnipresente rap, quello che colpisce di più in Lego Batman è il citazionismo, ingrediente dosato con (parecchia) generosità e che farà la gioia dello spettatore nerd over trenta: eh sì, perchè si spazia da tutta la storia di Batman (inclusa la mitologica serie tv con Adam West in calzamaglia) fino ai Dalek che vanno in giro a sterminare in compagnia dei Gremlins.

Globe icon
Thomas Cardinali (talkymovie.it)
07.02.2017
Le frecciatine al mondo Marvel (la password Iron Man puzza) e il crossover con la presenza di Superman e degli altri supereroi sono delle chicche paragonabili altri altri universi di successo Warner Bros. come “Il Signore degli Anelli” ed “Harry Potter“. La zona fantasma diventa una sorta di paradiso dove San Pietro è sostituito da un semaforo che è l’angelizzazione di Siri e, a proposito, la pubblicità non è stata mai così poco nascosta come in questo film per la mela morsicata. Le origini della solitudine di Batman vengono spiegate in modo ottimale  e anche quelle della sua relazione con il Joker, che riesce a far sorridere anche quando ci scapperebbe qualche lacrima riconquistando quel ruolo di primo cattivo che per cause di forza maggiore ha perso ne “Il Ritorno” a scapito di Bane. Forse è proprio questo il punto di forza di questo film pazzo, caotico, divertente ma soprattutto bello.

Globe icon
Emanuele Manco (www.fantasymagazine.it)
07.02.2017
Come già The LEGO Movie, questo film è a suo modo un gioco, perché pur se stavolta si usa la CGI, questa serve a riprodurre le peculiarità dei mattoncini e delle minifigure: i personaggi si attaccano alle superfici, si muovono e afferanno oggetti come le minifigure fisiche; i mezzi vengono smontati e rimontati; fuoco ed altri elementi naturali sono composti da mattoncini. L'idea è che, procurandosi subito le scatole LEGO adatte, il film sia in qualche modo riproducibile anche a casa, magari "giocato" da figli e genitori. Siamo quindi davanti a un esempio di film fatto apposta per intrattenere, nel quale i professionisti impegnati centrano in pieno l'obiettivo di comunicare i valori LEGO di gioco, ironia, divertimento e unione della famiglia usando come testimonial il più cupo dei supereroi, quello che si prende più sul serio. Uno sketch di Carosello da 104'.

Globe icon
Andrea Lupia (www.cinezapping.com)
07.02.2017
Se, come dice Christopher Vogler ne “Il Viaggio dell’eroe”, l’eroe è quel personaggio che nella storia cresce di più, allora in questo film Batman è davvero un eroe perché capisce che non possiamo farcela da soli, un messaggio che spesso andrebbe ricordato ai grandi piuttosto che ai piccoli. E poi, cosa da non sottovalutare, Lego Batman – Il film è davvero divertente.

Globe icon
Karin Ebnet (www.movieforkids.it)
07.02.2017
Come il precedente, LEGO Batman è anche im-bat-tibilmente divertente. Ci sono così tante battute e gag che è impossibile prendere respiro tra una risata e l’altra. I temi importanti di cui abbiamo parlato poco fa sono abilmente trattati con il sorriso, stemperati a dovere così che il velo di tristezza che si deposita in un primo momento viene spazzato via immediatamente. Non mancano neppure battute e critiche ai ultimi lungometraggi DC come Batman vs Superman (gli sketch con la maschera di Clark Kent sono insuperabili e valgono da sole tutto il film) o Suicide Squad. Senza contare che in questo film i veri villain non sono quelli dei fumetti tout court ma quelli dei più importanti franchise LEGO (entrare in un negozio LEGO Store e guardatevi attorno per farvi un’idea della varietà di cattivi presenti…).

Globe icon
Mario d'Angelo (www.gamesvillage.it)
07.02.2017
I bambini rideranno, l'attenzione degli adulti sarà catturata da battute intelligenti e nostalgica esuberanza, i fan duri e puri del Cavaliere Oscuro ne saranno deliziati. Insomma, le promesse del film del 2014 sono state mantenute.

Globe icon
Andrea Morandi (www.ciakmagazine.it)
07.02.2017
La trama però non è altro che uno spunto, il biglietto per entrare dentro un caleidoscopio di centosei minuti, una montagna russa che gioca non solo con la psicanalisi e il mondo della DC, ma anche con il mezzo cinematografico, dall’incipit sullo schermo nero («Perché tutti i film importanti iniziano con uno schermo nero») alle esilaranti visioni di Jerry Maguire che, nel cinico universo di Batman, non è un film romantico, ma una commedia. Portate i bambini, andate da soli, andate al cinema con gli amici o con chi volete, ma non perdetelo: Lego Batman – Il film è già il guilty pleasure dell’anno. Assolutamente irresistibile.

Globe icon
Mirko Lomuscio (www.youmovies.it)
07.02.2017
In LEGO Batman – Il film, se si è più che adulti, il bambino che è in noi prende il sopravvento, alla mercé di una visione senza sosta che amalgama ironia graffiante, personaggi che giocano sul proprio stereotipo (lo stesso Batman pieno di sé, devoto ai suoi addominali pompati) e una storia ricca di eventi, che riesce a trovare un epilogo sotto il segno di un messaggio che equivale a “l’unione fa la forza”. Questa pellicola non è prodotto che si prende sul serio sin dai primi fotogrammi, è un’operazione divertita e divertente, che riesce ad ottenere l’obiettivo di mettere sotto una stessa ottica bambini di oggi e quelli di ieri, grazie a questo frullato di risate, emozioni varie e gag schizzate.

Globe icon
Emanuele Sacchi (www.mymovies.it)
07.02.2017
Fino a lì, però, Lego Batman è un'esperienza quasi irresistibile, che dà il suo meglio quando sottopone Batman a una peculiare seduta psicanalitica, indagando nel suo privato come in nessun'altra trasposizione precedente e mettendo a nudo le molteplici contraddizioni del personaggio.

Globe icon
Gabriella Giliberti (leganerd.com)
07.02.2017
LEGO Batman – Il Film è una sorpresa continua. Una pellicola divertente, ironica, capace di non sapersi prendere mai sul serio ma di essere profonda e convincente al tempo stesso.

Globe icon
Luca Marinelli Brambilla (www.staynerd.com)
07.02.2017
LEGO Batman è un film che ci sentiamo di promuovere sotto ogni punto di vista. È divertente e manda un bel messaggio ai più piccoli, senza snaturare eccessivamente il personaggio dell’Uomo Pipistrello, ma solo edulcorando gli aspetti più violenti e oscuri. Diverte attraverso una pioggia di battute, gag, situazioni paradossali e citazioni, in modo sempre intelligente e senza perdere mai un colpo. Inoltre è graziato da una computer grafica eccezionale, che ci fa dimenticare di trovarci di fronte ad un lavoro fatto digitalmente, e quasi ci convince che ci troviamo di fronte a mattoncini LEGO che hanno preso vita. Insomma, in una parola: vedetelo.

Globe icon
Domenico Misciagna (www.comingsoon.it)
07.02.2017
Peccato solo che alla major e a McKay manchi il coraggio di rallentare un po' e di sollevare quel piede schiacciato sul pedale del ritmo forsennato e della psichedelia: con più serenità, la simpatia per i personaggi sarebbe aumentata e avrebbe messo radici un po' più robuste, senza quel fascino esasperato per il caos e il chiasso. Ciò non toglie che Lego Batman sia abbastanza intelligente da diventare un cinecomic a tutti gli effetti, seppur umoristico, e la spettacolare realizzazione tecnica a cura dell'Animal Logic sia ampiamente all'altezza delle controparti dal vero.

Globe icon
Gabriele Niola (www.badtaste.it)
07.02.2017
LEGO Batman – Il Film dice quel che dice, racconta (bene) la sua storia, diverte con grande intelligenza e sa farsi piacere. È in buona sostanza la versione normalizzata e riproducibile in serie di quell’esordio unico targato Lord e Miller.

Globe icon
Tom Huddleston (www.timeout.com)
07.02.2017
Come il suo predecessore, LEGO Batman - Il film riesce a trovare un centro emotivo nel mezzo del caos. Esternamente, Batman potrà essere invincibile, ma nel profondo non è che un'anima sola e intrattabile che rifiuta di ammettere al Jocker quanto sia speciale la loro antagonistica relazione. La sua ricerca per scoprire il vero significato di amicizia e famiglia è al limite del sentimentale, ma finisce per rivelarsi toccante ed è grazie a ciò che LEGO Batman si dimostra qualcosa di più di un'altra frenetica parodia della cultura pop.

Globe icon
Robbie Collin (www.telegraph.co.uk)
07.02.2017
Se non punta, né riesce a raggiungere l'inaspettata profondità emotiva di The LEGO Movie, in termini puramente logistici LEGO Batman - Il film è una vera meraviglia [con] battute e azione che valgono per quattro (grandi) film.

Globe icon
Michael Rechtshaffen (www.hollywoodreporter.com)
07.02.2017
Nonostante non manchino le occasioni per la satira, prendendo di mira tutto da "Suicide Squad" alle tasse di Donald Trump, gli sceneggiatori e il regista McKay si dimostrano meno abili nel trovare quel magnifico equilibrio tra gioiosamente ispirato e dolcezza non-melensa che aveva reso il primo film LEGO un'opera così riuscita.

Globe icon
07.02.2017
Non ha il cuore, lo spessore o l'originalità del primo film LEGO, ma è implacabilmente e costantemente esilarante, e per questo gli si perdona tutto.

Globe icon
07.02.2017
Piacevole, frenetico ed esilarante.

Globe icon
David Ehrlich (www.indiewire.com)
07.02.2017
Più spassoso che divertente, più scaltro che intelligente, LEGO Batman procede così rapidamente da non lasciare al suo pubblico il tempo di acclimatarsi al mondo che demolisce e ricostruisce con tanto entusiasmo, ma funziona come frenetico promemoria per ricordarci che ridere delle cose che amiamo è a volte il mondo migliore per fare affiorare alla propria memoria il motivo per cui avevamo iniziato ad amarle. Riuscirà mai Batman ad essere felice? È difficile a dirsi. Ma, per la prima volta dopo tanto tempo, almeno i suoi fan lo saranno.

Globe icon
Alonso Duralde (www.thewrap.com)
07.02.2017
I fan dei film di supereroi tendono a dividersi in due fazioni; gli appassionati Marvel che si lamentano della malsana tetrezza dei film di DC, e i sostenitori di DC che condannano la giocosità dei film Marvel. Devoto alla demenzialità e a rendere omaggio alle molteplici versione di Batman nel corso dei decenni, LEGO Batman - Il film potrebbe rivelarsi il punto in comune in grado di soddisfare entrambe le fazioni.

Globe icon
Owen Gleiberman (variety.com)
07.02.2017
L'universo di plastica dei Lego torna ancora una volta a satireggiare il mondo reale con un caper movie animato arguto e brillante che osa prendere in giro l'intenso ego del suo protagonista.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
43
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative