Globe icon
Andrea Salacone (www.quartopotere.com)
18.03.2019
Un diffuso ottimismo pervade "Un viaggio a 4 zampe" – il legame fortissimo che la cagnolina manifesta nei confronti del padrone la spinge a esporsi sempre a nuovi rischi, e al contempo le consente di superare le avversità – ma aspettarsi qualcosa di diverso da un’opera del genere sarebbe fuori luogo. Molto probabilmente, comunque, ai proprietari di cani il film farà versare qualche lacrimuccia.

Globe icon
Mirko Lomuscio (www.mondospettacolo.com)
18.03.2019
Ancorato alla natura di film per giovanissimi, Un viaggio a quattro zampe altro non si rivela che un esile prodotto adatto esclusivamente agli amanti degli animali e della natura.

Globe icon
18.03.2019
Quella messa in scena da Charles Martin Smith è una storia piccola, che non si vergogna mai di mostrare il suo grande cuore e di rivolgersi a quel pubblico che gradisce una storia semplice e dai buoni sentimenti. Lo spettatore più esigente potrà trovare il racconto della storia di Bella fin troppo semplicistico e lineare, e ammettiamo che il commento della voce narrante è a tratti fin troppo didascalico e forzato (inevitabilmente peggiorato col doppiaggio italiano), ma il risultato finale di Un viaggio a quattro zampe è gradevole e ricco di calore, adatto a quella porzione di pubblico che ama gli animali e apprezza le storie che li vedono protagonisti. Sullo sfondo dei paesaggi affascinanti della natura ostile delle montagne del Colorado, seguiamo Bella nelle sue avventure con partecipazione ed emozione, ammirando anche il lavoro svolto per la resa degli animali su schermo, tra effetti visivi e interpreti a quattro zampe.

Globe icon
Roberto Giacomelli (www.darksidecinema.it)
18.03.2019
Non privo di difetti, anzi dotato di alcuni decisamente macroscopici, Un viaggio a quattro zampe sa anche risultare appassionante e ricco di sentimento. Una storia adatta a grandi e piccoli, godibile ma non all’altezza di illustri predecessori che hanno eletto un cane a protagonista.

Globe icon
Anna Martignoni (www.awardstoday.it)
18.03.2019
Un viaggio a quattro zampe è il classico film per famiglie, adatto a tutti gli amanti del genere. Certo, non mancano dialoghi talvolta stucchevoli e passaggi piuttosto piatti ma, pur non brillando per originalità narrativa e non presentando eclatanti colpi di scena, la pellicola presenta elementi positivi; in primis, la scelta del regista di donare una voce non umana solo ed esclusivamente a Bella e di non farla interagire con gli altri animali che incontra, salvaguardando così la credibilità dell’intero film; in secondo luogo, la forte caratterizzazione della cagnolina, protagonista assoluta che ha sì un debole verso il suo animo selvaggio e indomito, ma che sceglie di dare ascolto alla sua parte addomesticata; infine, il toccante ricongiungimento con i veterani e con Lucas: difficile non emozionarsi davanti a tanta gioia.

Globe icon
Lilly Leone (www.cubemagazine.it)
18.03.2019
Film divertente, bella storia, ottimo per la famiglia. Ci sono anche scene serie come quelle che riguardano il bullismo, ma inserite come lezione di vita su come le persone possono superare le difficoltà. Bel film con un buon messaggio e un ottimo lieto fine.

Globe icon
Redazione (www.longtake.it)
18.03.2019
Zuccheroso prodotto per famiglie con protagonista canino, Un viaggio a quattro zampe aderisce in pieno a tutte le scorciatoie didascaliche tipiche di tanti prodotti analoghi e concepiti in serie, incapaci di asciugare il buonismo lacrimevole ed edificante sul quale poggiano dall’inizio alla fine. L’unico intento è quello di conquistare la tenerezza degli appassionati degli amici a quattro zampe, ma tutto ciò che viene costruito intorno a questo proposito è puntualmente smielato e prevedibile. Non ci sono, in un film così innocuo, motivi particolari contro cui “accanirsi”, ma risulta davvero impossibile reggere la voice over dell’animale protagonista per tutta l’ora e mezza di durata e il ricorso a paesaggi del Colorado, natura selvaggia e buoni sentimenti, dà luogo a un insieme a dir poco indigesto.

Globe icon
Titty Ricchiuti (www.lenuovemamme.it)
18.03.2019
Un lungometraggio meraviglioso dedicato al legame unico, potente che da sempre ha unito l’uomo al cane. Il film ha una durata di 96′ e non presenta nessuna scena spaventosa. Una trama semplice e con una voce narrante e cristallina che piacerà a tutti gli amanti degli animali senza limiti di età.In sala hanno applaudito per quanta emozione ci ha regalato, per la bravura del cane e di tutti gli animali che hanno partecipato alle riprese. Il film ci ricorda che ognuno di noi ha bisogno di essere amato e l’amore di un animale è il più unico sincero incondizionato insostituibile che esista.

Globe icon
Raffaella Mazzei (www.spettacolo.eu)
18.03.2019
Un viaggio a quattro zampe è un film pronto a regalare emozioni forti e piacevoli a qualsiasi amante degli animali: nonostante qualche passaggio troppo romanzato, la pellicola si propone davvero come una divertente avventura on the road con una protagonista davvero alternativa.

Globe icon
Ylenia Politano (gamesurf.tiscali.it)
18.03.2019
Un film per tutti, appassionante, commovente e divertente. Da vedere in famiglia

Globe icon
Giulia Lucchini (www.cinematografo.it)
18.03.2019
Belle in un certo senso è una nuova Hachiko, il cane diventato famoso dopo la morte improvvisa del suo padrone perché si recò ogni giorno, per quasi dieci anni, ad attenderlo, invano, alla stazione di Shibuya a Tokyo, dove l’uomo prendeva abitualmente il treno per recarsi al lavoro. Anche lei è un’eroina che affronterà un viaggio di più di quattrocento miglia pur di ritornare dai suoi cari. In conclusione questo film è un’avventura che ci regala emozioni un po’ troppo facili, ma che al tempo stesso ci ricorda la bellezza del mondo canino.

Globe icon
Federica Cremonini (www.cinematographe.it)
18.03.2019
Nel complesso, il film di Smith sembra zoppicare un poco nella gestione del ritmo, che non viene agevolato dalla presenza di scene meno stimolanti, meno appassionanti, talvolta tradotte anche in momenti piuttosto stucchevoli e piatti. Ne risulta un’opera che, in mancanza di particolari spunti o suggestioni (soprattutto nel secondo atto, il più debole), riesce a giungere a destinazione inciampando qua e là, con qualche scivolata nel cliché e non avvantaggiato dalla regia, che non brilla per originalità e inventiva. Tuttavia, i cliché e le prevedibilità di Un viaggio a quattro zampe sono proprio quelli che riescono, ogni volta, a vivificare i ricordi felici dello spettatore e a toccare le corde emotive più profonde con estrema semplicità.

Globe icon
Elisabetta Prantera (darumaview.it)
18.03.2019
La pellicola di Charles Martin Smith è decisamente un’opera perfetta per coloro che amano le storie strappalacrime, in particolare quelle che vedono come protagonisti gli amici a quattro zampe. Non a caso il regista è noto per il successo della pellicola per ragazzi L’incredibile storia di Winter il delfino, che anch’essa vede come protagonista un rappresentante del mondo animale. Per fare ciò il regista statunitense si è avvalso della penna di Bruce W. Cameron che ha scritto la pellicola di successo Qua la zampa!. Bella è assolutamente adorabile e conquisterà il cuore di grandi e piccini con la naturalezza con la quale solo una tenerissima cucciola può fare.

Globe icon
Antonio Cuomo (movieplayer.it)
18.03.2019
Quella messa in scena da Charles Martin Smith è una storia piccola, che non si vergogna mai di mostrare il suo grande cuore e di rivolgersi a quel pubblico che gradisce una storia semplice e dai buoni sentimenti. Lo spettatore più esigente potrà trovare il racconto della storia di Bella fin troppo semplicistico e lineare, e ammettiamo che il commento della voce narrante è a tratti fin troppo didascalico e forzato (inevitabilmente peggiorato col doppiaggio italiano), ma il risultato finale di Un viaggio a quattro zampe è gradevole e ricco di calore, adatto a quella porzione di pubblico che ama gli animali e apprezza le storie che li vedono protagonisti. Sullo sfondo dei paesaggi affascinanti della natura ostile delle montagne del Colorado, seguiamo Bella nelle sue avventure con partecipazione ed emozione, ammirando anche il lavoro svolto per la resa degli animali su schermo, tra effetti visivi e interpreti a quattro zampe.

Globe icon
Rossella Farinotti (www.mymovies.it)
18.03.2019
na storia di speranza e amore raccontata attraverso lo sguardo e i pensieri di una cagnolina.

Globe icon
Mauro Donzelli (www.comingsoon.it)
18.03.2019
Un viaggio a quattro zampe è per almeno metà un viaggio senza umani, solo con la natura selvaggia e gli animali protagonisti, ben realizzato e decisamente fatto dal sarto per chi reagisce con risolini innamorati alla vista di un cagnolino o regredisce allo stato infantile solo a vedere un muso in movimento.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
16
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative