User icon
Gabriele Niola (ScreenWEEK.it)
24.03.2009
Torna Dominic Toretto e alla grande in un film tirato, estremo in ogni sua declinazione e realizzato finalmente a regola d’arte. Intrattenimento puro al maschile

Eye icon
Mentre Brian O'Conner indaga su chi si possa celare dietro uno dei più grandi spacci di droga negli Stati Uniti,Dominic Toretto torna a Los Angeles per vendicarsi della morte della sua amata Letty.
Dopo otto anni il cast del primo capitolo si riunisce,riuscendo con buoni voti a salvare una saga che ormai stava degenerando al punto tale che l'ultimo Tokyo Drift contava solo sul titolo per poter dichiararsi parte della serie.Gli inseguimenti come sempre sono avvincenti e questa volta lo sono anche di più.La trama,facendo l'occhiolino a quella di 2 Fast 2 Furious,è efficace quanto basta a regalarci 100 minuti di azione ben realizzati e ben combinati a momenti da film thriller.Otto anni sono passati e otto anni sono valsi per attendere di vedere il seguito più che degno del cult The Fast and The Furious.

Globe icon
houssy
11.05.2009
Basterebbe l'inizio. Auto rombanti e azione a rotta di collo, Vin Diesel duro e massiccio più che mai, fuoco e fiamme, sudore, lacrime e applausi a scena aperta

Globe icon
Carmelo Caramagno (SpazioFilm)
14.04.2009
l lavoro certosino di Justin Lin – abile a pompare adrenalina nello spettatore in ogni singola inquadratura – è evidente soprattutto nelle memorabili scene di inseguimenti e delle corse clandestine disputate nel cuore di una Los Angeles notturna.

Globe icon
Nanni Cobretti (I 400 calci)
14.04.2009
Detto questo, Mr. Lin si guadagna una meritata promozione anche per questo sequel/reboot a budget triplicato, e conferma di avere un’ottima mano. E con ottima mano intendo scene d’azione belle tirate, veloci, spettacolari, per una volta pensate bene e poco confusionarie.

Globe icon
Maria Domenica Ferrara (Alcinema)
14.04.2009
Per quanto il film non si possa considerare un capolavoro della cinematografia, Fast and Furious racchiude qualcosa di magico. Riesce a catturare lo spettatore in modo impressionante, con le corse automobilistiche mozzafiato e quel senso di giustizia tutto americano.

Globe icon
Tommaso Ranchino (Meltinpot on web)
14.04.2009
Dopo gli esperimenti di “2Fast, 2Furious” e “Fast & Furious – Tokyo Drift” si torna all’antico, a quella chimica che consacrò Vin Diesel, e lanciò Paul Walker e Michelle Rodriguez, attraverso l’idolatrazione pagana e godereccia di macchine fiammanti iperpacchiane e ragazze seminude

Globe icon
Riccardo Balzano (Trailersland)
14.04.2009
Tra scontri automobilistici, bicipiti pompati e ragazzine in minigonna "Fast & Furious - Solo parti orignali" è un motorshow trasposto sullo schermo sotto sembianze di thriller, quarto e, a questo punto si spera, ultimo episodio.

Globe icon
Cristian Scardigno (35mm)
14.04.2009
Quarto episodio della serie, ma nessuna idea innovativa. Soliti inseguimenti mozzafiato e auto truccate, e una sceneggiatura senza alcun tipo di profondità.

Globe icon
Gioxx (Gioxx)
08.04.2009
Credetemi: 107 minuti bastano a farvi rilassare, a farvi sognare, meglio ancora se il tuning lo avete in qualche modo vissuto sulla pelle

Globe icon
Luca Fiamenghi (BadTaste)
07.04.2009
La potenza di Hollywood si vede proprio in queste produzioni: la capacità di fare un grande film attraverso un lavoro di accurata compensazione a una trama molto basic. Basta sapientemente aggiungere adrenalina, colori che esplodono, donne bellissime e sessualmente esplicite, rabbia e muscoli.

Globe icon
carloprevosti (Cineblog)
02.04.2009
nel suo genere il film funziona a meraviglia. Il pubblico che ha amato gli altri titoli della serie andrà in visibilio per le peripezie di Toretto alla guida dei bolidi per le corse clandestine e la storia è sufficientemente contorta da apparire intrigante

Globe icon
Simone Bracci (EcoDelCinema)
31.03.2009
Così facendo regalano allo spettatore quell’iniezione di energia necessaria a rimanere incollati sulla poltrona, mentre si stringe il bracciolo cercando di cambiare marcia al bolide di turno. Altro che cinema in 3D, questa è vera simulazione di gara.

Globe icon
Vito Sugameli (Everyeye)
31.03.2009
Grazie a Diesel e al ritorno di Paul Walker, Solo parti originali si solleva dalla mediocrità proponendo uno spettacolo esaltante, di poche pretese ma ugualmente divertente per un pubblico di giovani e appassionati del genere. Come direbbe qualcuno: questo è un film maschio!

Globe icon
Francesco Lomuscio (FilmUp)
31.03.2009
l’argomento cardine delle sfide automobilistiche non fatica a rivelarsi un marginale pretesto per poter catalogare all’interno della serie quella che, privata di copertoni fumanti e asfalto rovente, non sarebbe stata altro che una qualsiasi police story alla "Miami Vice"

Globe icon
Tirza Bonifazi Tognazzi (MyMovies)
31.03.2009
Aprendosi con un inseguimento mozzafiato girato sulle strade impervie della Repubblica Dominicana, il film di Lin mantiene le aspettative e si catapulta in una serie di gare accelerate giocate sulla suspense.

Globe icon
Pietro Ferraro (ilcinemaniaco)
24.03.2009
In conclusione, astenersi amanti del cinema d’autore e chi cerca un film di spessore, qui c’è solo testosterone a mille, motori ed esaltazione da racing, quindi accomodatevi sulla poltrona, spegnete il cervello, allacciate le cinture e godetevi lo spettacolo.

Globe icon
Simone Bracci (EcoDelCinema)
24.03.2009
Regalano allo spettatore quell’iniezione di energia necessaria a rimanere incollati sulla poltrona, mentre si stringe il bracciolo cercando di cambiare marcia al bolide di turno, che sia una Nissan Skyline GTR o una Plymouth Roadrunner del ’70 non fa molta differenza.

Lascia anche tu una recensione o un commento su questo film!
18
Recensioni
Totali
0%
Positive
0%
Negative