Luigi Lo Cascio
Luigi Lo Cascio
Luigi Lo Cascio
Attore
Italia 20.10.1967

Nasce a Palermo il 20 ottobre del 1967. Segue la tradizione di famiglia e si iscrive a medicina per diventare un psichiatra, nel frattempo comincia a recitare con un gruppo di attori di strada. Nel 1989 ottiene una...
Leggi tutto

Alcuni dei suoi ruoli:
Artists default original
Amaldi
Artists default original
Saro Scordia
Artists default original
Antonio

Bio

Nasce a Palermo il 20 ottobre del 1967. Segue la tradizione di famiglia e si iscrive a medicina per diventare un psichiatra, nel frattempo comincia a recitare con un gruppo di attori di strada. Nel 1989 ottiene una piccola parte nella produzione teatrale di Aspettando Godot, alla fine decide di abbandonare la scuola di medicina e si iscrive all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico, diplomandosi nel 1992 con un saggio su Amleto. Comincia una carriera, teatrale e cinematografica, intensa e brillante. Ricordiamo Ager Sanguinis di Carlo Quartucci, La sposa di Messina di Elio De Capitani, La morte di Empedocle, La figlia dell’aria, Il figlio di Pulcinella di Roberto Guicciardini e gli allestimenti di Amleto e di Sogno di una notte di mezza estate di Carlo Cecchi. Esordisce con il ruolo di protagonista in I cento passi (2000) di Marco Tullio Giordana. Con la parte di Peppino Impastato vince il David di Donatello, come migliore attore protagonista. Seguono il pluripremiato La meglio gioventù (2003), dove interpreta uno psichiatra, col quale vince il Nastro d'argento a ex aequo con tutti i protagonisti maschili del film nel 2004. L'anno dopo a Venezia vince la Coppa Volpi col film Luce dei miei occhi di Giuseppe Piccioni. Ricordiamo inoltre Buongiorno, notte di Marco Bellocchio, La bestia nel cuore di Cristina Comencini, Il dolce e l'amaro di Andrea Porporati e Sanguepazzo di Marco Tullio Giordana.