I leader della Federazione,in combutta con la razza dei Son'a,vogliono deportare i pacifici Ba'ku dal loro pianeta,rivelatosi essere una fonte dell'eterna giovinezza.La Federazione vuole sfruttare gli straordinari poteri degli anelli del pianeta Ba'ku per garantire benessere e vitalità ai miliardi di abitanti del quadrante alfa,ma il capitano Picard e l'equipaggio dell'Enterprise,giunti sul luogo per indagare sull'instabilità dell'androide Data,si oppongono a questo piano.Inizia una vera e propria insurrezione per salvare i sacri princìpi della Federazione.Un film come i precedeni con un incredibile numero di effetti speciali,un costo molto alto,75 milioni di dollari.E' quello su cui hanno puntato Rick Berman e Micheal Piller,produttori e sceneggiatori del nono film di Star Trek The Insurrection,girato ancora una volta da Jonathan Freaks.Buona parte dei costi sono stati spesi sia per gli(ottimi)effetti speciali,sia per gli attori principali,che hanno richiesto lauti compensi.Una trama che tutto sommato esplora la realtà della Federazione nel 24°secolo,il suo probabile futuro,la perdita degli ideali che l'hanno creata,e problemi più vicini ai nostri giorni come le deportazioni e l'ingegneria genetica.Dialoghi anche molto significativi,come quelli tra Picard e l'ammiraglio federale Dougherty("Jean-Luc,si tratta di solo 600 persone!""E quante persone ci vogliono,ammiraglio,prima che diventi un errore?Un migliaio,cinquemila,un milione?").